Herat, ammainata la bandiera italiana - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Dom, Giu

Herat, ammainata la bandiera italiana

Video News
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

(dall'inviata Silvia Mancinelli) 

E' stata ammainata la bandiera italiana nell’hangar dell’aeroporto di Herat. Finisce così la cerimonia e la ventennale presenza del contingente italiano in Afghanistan. 

Quello che gli uomini dell'Esercito Italiano, della Marina Militare, dell’Aeronautica Militare e dell’Arma dei Carabinieri, intervenuti in Afghanistan dopo l’attentato dell’11 settembre, si lasciano alle spalle è un paese cambiato, con nuove istituzioni e diritti ritrovati. Il loro rientro non significa però la fine del sostegno da parte dell’Italia al popolo afghano. Al paese che ha votato per la prima volta in modo democratico proprio con l’Isaf, sarà garantito supporto anche quando la base militare tornerà agli afghani. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002