Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Sab, Dic

Abbiamo 183 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

RIACE (REGGIO CALABRIA), migliaia in marcia per solidarieta' al sindaco Lucano

RIACE (REGGIO CALABRIA), migliaia in marcia per solidarieta' al sindaco Lucano

Reggio Calabria
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Molti gli striscioni: "Arrestato Lucano per arrestare un modello di integrazione eccellente", "Il mondo lo adora, l'Italia lo arresta". Lui si affaccia e saluta il corteo con il pugno chiuso

RIACE (REGGIO CALABRIA), migliaia in marcia per solidarieta' al sindaco Lucano
RIACE (REGGIO CALABRIA), migliaia in marcia per solidarieta' al sindaco Lucano


RIACE (REGGIO CALABRIA), 6-OTT. Sono arrivati in almeno quattromila per manifestare la loro solidarietà al sindaco dell'accoglienza, dando vita ad un corteo multietnico e colorato. Al grido "siamo tutti clandestini" e "Mimmo libero" hanno sfilato per le vie di Riace fino a giungere sotto casa - da martedì scorso diventata anche la sua "prigione" - di Domenico Lucano, agli arresti domiciliari per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina ed illeciti nell'affidamento del servizio di raccolta dei rifiuti.

Ed il sindaco di Riace - che dal giorno dell'arresto in realtà non lo è più, essendo stato sospeso dall'incarico - di fronte a tanto affetto, si è commosso, affacciato alla finestra, e poi ha salutato la folla col pugno sinistro chiuso. Associazioni, partiti, sindacati, ma anche semplici cittadini hanno voluto testimoniare la loro vicinanza al sindaco che la rivista Fortune ha inserito due anni fa tra i 50 uomini più potenti del mondo per la sua politica di accoglienza ed integrazione che ha fatto di Riace un caso mondiale. E infatti, tra i tanti striscioni e cartelli esposti nel corteo, su uno si leggeva "Il mondo lo adora, l'Italia lo arresta". "Riace non si arresta", era scritto su un altro.
Fianco a fianco hanno sfilato italiani e extracomunitari. Alcuni vivono a Riace ormai da anni contribuendo a ripopolare il piccolo paese della Locride, altri sono giunti da fuori. A manifestazione ancora in corso è arrivato il commento del ministro dell'Interno Matteo Salvini, che già nei giorni scorsi se la era presa con i 'buonisti' che difendono Lucano. "Quando scoppiò il caso Diciotti l'Anm difese il pm tuonando 'basta interferenze', mentre Mattarella ricordò che 'nessuno è al di sopra della legge'. Ora diranno le stesse cose?" ha detto.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003
il Centro Tirreno - Quotidiano online
Meteo

Seguci anche su Facebook

il Centro Tirreno - Quotidiano online
News e approfondimenti
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-ct-cca-001