Lavoro - il Centro Tirreno - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

 

A un anno dall’esplosione degli effetti del Covid 19 sull’economia, si evidenziano alcune tendenze manageriali destinate a restare nella nuova normalità e a definire chi saranno i leader aziendali di domani. La pandemia ha introdotto nuovi stili di leadership e nuove modalità per guidare e gestire i team. Ha fatto emergere alcune nuove parole d’ordine e nuove esigenze per le aziende che devono guardare oltre la crisi, con scelte coraggiose e lungimiranti. In questo scenario, Keystone, la linea di business di Randstad dedicata alla ricerca e selezione di profili executive, ha stilato il decalogo delle caratteristiche che deve avere il ceo di successo nel 2021 sulla base dell’esperienza dei grandi manager alla guida delle più importanti aziende globali. 

 

 

Nuove opportunità di sviluppo sostenibile nel Mediterraneo grazie ai rapporti tra Italia e Marocco attraverso le imprese. A rilanciarli un incontro tra il presidente della Cifa e l’ambasciatore del Marocco in Italia.  

 

Da un anno lo smart working è entrato in maniera prepotente nella routine lavorativa: casa e ufficio si sono fuse in un ambiente unico, ospitando attività di natura diversa. Nel frattempo, mentre sempre più persone alla ricerca di un nuovo work-life balance si sono ritrovate a fare call in attesa di scolare la pasta o riunioni di team nel tempo di una lavatrice, è nata una soluzione che promette di unire l’utile al dilettevole: il 'sail working'. Questa modalità di lavoro da remoto concilia lo smart working con un contesto piacevole come la barca, permettendo di lavorare immersi nella natura per un tuffo dove l’acqua è più blu, magari in pausa pranzo. Il contatto con il mare e un ambiente più rilassato possono, inoltre, avere ricadute positive anche sulla produttività, le relazioni all’interno dei team e le dinamiche lavorative.  

 

Circa 8 italiani su 10 sono favorevoli a lavorare da remoto, anche dopo la fine della pandemia da Covid-19. E' quanto emerge da un sondaggio Emg-Different per Adnkronos. Alla domanda (rivolta agli occupati che fanno lo smart working), 'finita l'emergenza è favorevole o contrario a proseguire con lo smart working?', il 77% del campione si dice favorevole, il 17% contrario (mentre il 6% preferisce non rispondere).  

 

Servono soluzioni concrete e immediate per rilanciare l’occupazione giovanile. A sostenerlo il Fondo interprofessionale Formazienda, al quale aderiscono 110mila imprese per 750mila lavoratori. Nel Pnrr (Piano nazionale ripresa e resilienza) l’obiettivo di includere i giovani nel mondo del lavoro è considerato prioritario. Una meta da perseguire - sottolinea Formazienda - anche attraverso la valorizzazione dell’apprendistato duale che nel Pnrr cuba 600milioni all’interno della missione ‘inclusione e coesione’. Il governo Draghi, a seguito dell’azione congiunta di Mef e ministero del Lavoro, ha destinato oltre 45 milioni di euro per finanziare le Regioni affinché si possano realizzare i progetti formativi indirizzati alla dualità scuola-lavoro.  

 

"I numeri in gioco sono drammatici. Secondo il Centro Studi di Confassociazioni, tra il 2020 e i primi 2 mesi del 2021 abbiamo perso più di 350 miliardi di fatturato. Un mondo che difficilmente potrà essere risollevato dai 20 miliardi di euro del Recovery plan che potrebbero arrivare quest’anno. Per questo, serve subito un nuovo scostamento per salvare imprese e partite Iva in crisi. Fatti i calcoli, ce ne vorrebbero almeno 50. Ci aspetta un autunno di grande sofferenza". A dirlo il presidente di Confassociazioni, Angelo Deiana, presentando il report previsionale di Confassociazioni sugli scenari economici 2021. "Siamo sempre stati ottimisti - ammette - ma il dato concreto di realtà è che siamo molto preoccupati perché il vaccino per la salute sta iniziando ad arrivare, ma per il vaccino dell'economia ci vorrà ancora molto tempo. Le risorse nel decreto sostegni non coprono nemmeno il 5% dei costi fissi. Praticamente, un’elemosina".  

 

Un milione di posti di lavoro persi in un anno. E' il quadro che si delinea dai dati Istat. A febbraio 2021 gli occupati erano 22.197.000, ovvero 945.000 in meno rispetto a febbraio dello scorso anno. "Le ripetute flessioni congiunturali dell’occupazione - registrate dall’inizio dell’emergenza sanitaria fino a gennaio 2021 - hanno determinato un crollo dell’occupazione rispetto a febbraio 2020 (-4,1% pari a -945mila unità) - rileva l'Istat - La diminuzione coinvolge uomini e donne, dipendenti (-590mila) e autonomi (-355mila) e tutte le classi d’età". Il tasso di occupazione scende, in un anno, di 2,2 punti percentuali, toccando il 56,5%. 

 

Il 37% degli incentivi totali per l'acquisto di auto elettriche, previsti per l'intero 2021, è stato utilizzato nei primi tre mesi dell'anno. Di questo passo, il plafond di fondi disponibili potrebbe esaurirsi ad agosto prossimo, causando il blocco del mercato dell'auto 'alla spina'. Lo rileva l'analisi di Motus-e che sottolinea come, da una parte, gli italiani stanno rispondendo bene visto che a marzo si sono verificate vendite record: 15.011 unità di auto full electric (Bev) e ibride plug in (Phev) delle 30mila dell'intero primo trimestre 2021.  

 

"Noi wedding planner stiamo lavorando come se il prossimo decreto ci consenta di svolgere il ricevimento, ma c'è molta incertezza. Non esiste, infatti, alcuna menzione agli eventi perché vengono considerati 'un di più'". Lo dice all'Adnkronos/Labitalia Francesca Resciniti, wedding planner con alle spalle anni di esperienza anche nel 'destination wedding, cioè il fenomeno dei matrimoni degli stranieri in Italia, uno dei volti di 'Matrimonio all'italiana', trasmissione di 'Sposa tv', il canale tematico di Sky. 

 

Oggi era stata programmata l'apertura di Zoomarine per inaugurare la nuova stagione 2021, invece come per tutti i parchi divertimento italiani, ancora nessuna apertura in vista, in attesa di una normalizzazione della situazione epidemiologica, nella speranza di una veloce diminuzione dei contagi. Ma nel più grande parco marino italiano l’attività, in un anno di pandemia, non si è mai fermata: 400 animali richiedono assistenza quotidiana, cura e alimentazione tramite una squadra di più di 20 persone tra addestratori, biologi marini e veterinari che è tutti giorni presente al parco.  

 

"I dati Istat ci dicono che 300 mila lavoratori hanno perso il posto nel 2020, con un’altissima percentuale di donne: ora si scopre che tanti di loro stanno cercando di trovare una nuova occupazione anche nella scuola, presentando domanda di inserimento nella terza fascia delle graduatorie d’istituto del personale amministrativo, tecnico e a vario titolo facente parte degli Ata". E' quanto riporta una nota dell'Anief. 

 

Licenziamenti collettivi per 1363 dipendenti di Air Italy. A comunicarlo è stata ieri la compagnia aerea in liquidazione che, scrive, "si trova nella necessità di procedere a una riduzione collettiva di personale riguardante tutti i dipendenti a tempo indeterminato della Società, 1383 di cui 6 dirigenti, facenti capo alle sedi, uffici e basi, siti presso gli aeroporti di Olbia, Malpensa, Linate, Roma Fiumicino, Firenze e Napoli, al termine del periodo di integrazione salariale straordinaria" e questo "a causa della intervenuta definitiva cessazione di ogni e qualsivoglia attività svolta dalla società, della quale è già stata da tempo deliberata la messa in liquidazione".