Lavoro - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Lun, Ago

Lavoro

Le ultime notizie dal mondo del lavoro: occupazione, opportunità di lavoro, pmi, made in Italy, start up, innovazione e agroalimentare, professioni e previdenza, formazione e altro

 

"Oggi non c'è un obbligo normativo in base al quale il lavoratore può essere licenziato perché si rifiuta di essere vaccinato. Una cosa è certa: oggi, a normativa vigente, licenziare il lavoratore che si rifiuta di vaccinarsi è rischiosissimo perché, non essendoci un obbligo, il lavoratore viene reintegrato dal giudice". E' quanto sostiene, con Adnkronos/Labitalia, Rosario De Luca, presidente di Fondazione studi dei consulenti del lavoro, intervistato da Adnkronos/Labitalia, sulla discussione riguardo l'obbligo del vaccino anti Covid-19 per i lavoratori sanitari. 

 

L’Arera ha approvato la delibera attuativa del decreto-legge ‘Sostegni” che andrà a ridurre di 600 milioni di euro le bollette per le piccole imprese (utenti in bassa tensione non domestici, quali piccoli esercizi commerciali, artigiani, bar, ristoranti, laboratori, professionisti e servizi). Lo comunica la stessa Authority per l'energia. 

 

Un polo per una produzione lattiero-casearia di nicchia, a filiera totalmente controllata e sostenibile e tecnologicamente innovativo. E’ l’obiettivo raggiunto con la creazione della Dolomites Milk, a Vandoies (Bolzano), impresa nata dalla comune volontà di due grandi aziende dell’Alto Adige, la Brimi-Centro Latte Bressanone e la A. Loacker Spa, leader mondiale nella produzione di wafer e nota anche per i suoi prodotti di gran-pasticceria e specialità al cioccolato. Un progetto che ha portato all’assunzione di 25 persone, realizzato anche grazie al finanziamento di Invitalia attraverso il contratto di sviluppo di 8 milioni di euro sui 38 milioni complessivi dell’investimento. 

Il contratto collettivo nazionale è, e rimane, la stella polare del lavoro in agricoltura. All’interno di quel perimetro la politica deve tuttavia individuare le forme più snelle e percorribili per dare risposte certe alle imprese e agli addetti. E’ questa la posizione di Confagricoltura emersa nel webinar organizzato dall’Organizzazione leader nella rappresentanza dei datori di lavoro agricolo insieme ad Umana e Agronetwork. Le aziende si trovano oggi in una situazione di difficoltà: da un lato devono continuare a svolgere la propria attività, tanto più nel periodo emergenziale per soddisfare il fabbisogno alimentare del Paese, dall’altra faticano a reperire sul mercato, in tempi rapidi, manodopera professionalizzata che garantisca adeguati livelli di produttività. Resta quindi forte la spinta a forme di esternalizzazione, ma permane la preoccupazione delle imprese di incorrere in possibili violazioni di una normativa, quella sugli appalti di servizi, che presenta ampie zone grigie e solleva forti dubbi interpretativi che possono portare all’applicazione di sanzioni assai gravose.  

"Il blocco dei licenziamenti ormai è un blocco delle assunzioni. Non si può pensare di rimanere fermi al blocco dei licenziamenti". Lo ha detto il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, partecipando al convegno 'Reshape the world' del Sole 24 Ore. "Abbiamo sempre auspicato che si iniziasse a lavorare per la ripartenza -ha continuato-. Non stiamo chiedendo interventi per licenziare ma per assumere. Speriamo che con questo nuovo governo si possa iniziare questa strada". 

 

"La vertenza Amazon segna una tappa fondamentale delle relazioni industriali in un ambito centrale della app economy e dello sviluppo del commercio elettronico. In questo caso, la rivendicazione non è la trasformazione del rapporto di lavoro in dipendente perché sono tutti lavoratori subordinati, ma l’applicazione di un contratto integrativo". Così, con Adnkronos/Labitalia, Francesco Rotondi, giuslavorista e founder LabLaw, sullo sciopero di oggi dei lavoratori della filiera Amazon.  

 

Dalla produzione di detergenti liquidi alla plastica riciclata. Il nuovo futuro industriale, che salvaguarderà l'occupazione di circa oltre 300 lavoratori tra diretti e indiretti, dello stabilimento di Pozzilli (Isernia) è stato annunciato oggi in una conferenza stampa online, a cui ha partecipato Alessandra Todde, vice ministra dello Sviluppo Economico, da Unilever e Seri Plast (controllata della Seri Industrial Spa, azienda quotata sul listino Mta di Milano). (Speciale) 

 

Assolegno, associazione nazionale delle industrie delle prime lavorazioni e delle costruzioni in legno e punto di riferimento per le la filiera del legno strutturale, rinnova la collaborazione con il servizio tecnico centrale del consiglio superiore dei lavori pubblici in virtù di una sinergia che dal 2013 ad oggi ha già dato ottimi risultati.  

 

Amazon, oggi è il giorno dello sciopero nazionale in Italia. Quarantamila lavoratori tra driver, addetti agli hub e ai magazzini si fermano per 24 ore. Lo stop è stato indetto da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti. La protesta andrà in scena in diverse città, con presidi da Genova a Milano, da Piacenza e Brescia fino allo stabilimento di Passo Corese. 

 

E’ nato nei primi anni ’70 come omaggio alle più alte cariche dello Stato, e per questo era stato ribattezzato 'Il Sigaro del Presidente': un ammezzato di prestigio, fatto a mano, frutto di un processo di stagionatura particolare, riservato a personalità importanti della Repubblica, ministri e presidenti appassionati dei sigari Toscano e mai commercializzato. Poi, 15 anni fa, nel 2006, con il ritorno di Manifatture Sigaro Toscano alla proprietà italiana, la decisione di lanciare sul mercato uno dei prodotti di punta tra i fatti a mano, per metterlo a disposizione di tutti gli amanti dello Stortignaccolo.  

 

Nuovi macchinari per una migliore qualità del prodotto e 6 nuove assunzioni. Questo l’obiettivo dell’investimento da un milione e 600 mila euro realizzato da Drago Spa, azienda costituita nel 1978, a Lessona, nel distretto tessile di Biella, specializzata nella produzione e filatura di fibre pregiate e, in particolare, di tessuti di alta gamma per l’abbigliamento maschile.

Altri articoli...