Lavoro - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Sab, Lug

Lavoro

Le ultime notizie dal mondo del lavoro: occupazione, opportunità di lavoro, pmi, made in Italy, start up, innovazione e agroalimentare, professioni e previdenza, formazione e altro

 

Edilizia sempre più green e consumatori sempre più consapevoli. "Oggi i progettisti sono molto più attenti a tutto ciò che è legato alla sostenibilità o, più semplicemente, alla bio-edilizia", conferma ad Adnkronos/Labitalia Stefano Ranghieri, direttore Corporate Operational Marketing & Communication Mapei, che spiega: "I committenti e i clienti privati sono sempre più informati e questo ha portato i professionisti (progettisti e costruttori) a presentare, negli ultimi anni, proposte sempre più volte al raggiungimento del benessere e del comfort abitativo". Un benessere in cui la tecnologia e gli standard internazionali giocano un ruolo rilevante. "Sono sempre più numerosi, infatti, i progetti -dice Ranghieri- che vengono realizzati seguendo le certificazioni Leed e Breeam (due protocolli ambientali internazionali, ndr) che, oltre ad incrementare il valore dell’iniziativa immobiliare, evidenziano l’approccio di sostenibilità. Lo stesso vale nell’ambito delle opere pubbliche, con la scelta di prodotti che rispondono ai Criteri ambientali minimi (Cam)".  

 

Attenzione all’attualità, provando a mettere a fuoco in che modo proiettare il mercato del lavoro italiano verso un orizzonte più dinamico e inclusivo post pandemia. Con il titolo 'Competenze e strategie per la ripartenza' prenderà il via fra nove giorni, il 28 e 29 aprile, la dodicesima edizione del Festival del Lavoro, la manifestazione realizzata dai consulenti del lavoro, che anche quest’anno, in ottemperanza alle disposizioni per far fronte all’emergenza, si svolgerà in modalità online sul sito www.festivaldellavoro.it. Un Festival che arriva, spiegano i consulenti del lavoro,"in un momento storico importante, che impone necessariamente un confronto su un mondo del lavoro profondamente mutato e sulle conseguenze della pandemia sulla tenuta economica del Paese". Cinque le parole chiave dell’evento 2021: competenze, formazione, tecnologia, accelerazione, trasformazione. In particolare, quello delle competenze, sottolineano i consulenti, sarà un tema sempre più centrale in economie come quella italiana che da sempre sconta un deficit su professionalità tecniche e strategiche, oltre che nei processi di innovazione delle piccole e medie imprese.  

 

Digitalizzazione, sostenibilità, economia circolare: sono questi i trend che caratterizzeranno il settore moda nel prossimo futuro. Le aziende del comparto calzaturiero, in particolare, si trovano ad affrontare un processo interno di managerializzazione passando da una conduzione esclusivamente familiare ad una più razionale e strutturata. Lo sviluppo di competenze manageriali sarà quindi strategico per affrontare le sfide imposte dai mercati e per governare i processi di cambiamento accelerati dall’avvento della pandemia. È quanto emerso dallo studio di Fondirigenti sui 'Nuovi trend e nuovi scenari. Analisi delle competenze e dei profili manageriali per le aziende del sistema moda', realizzato dal Politecnico Calzaturiero della Riviera del Brenta, in collaborazione con Fondirigenti.

alternate text

Fare sistema per sostenere il tessuto produttivo del Sud Italia. E' stato questo il filo conduttore del webinar organizzato da Cfi-Cooperazione finanza impresa e associazione Merita, che ha visto la partecipazione di importanti attori impegnati per costruire un nuovo futuro per il Mezzogiorno.

 

Le azioni del sindacato dal salario, al diritto delle ferie. Senza dimenticare gli idonei dell’ultimo concorso straordinario che però non potranno essere assunti in ruolo.  

 

"Molti lavoratori della scuola chiedono di potersi trasferire per poter ricongiungersi ai familiari dopo anni di precariato e dopo essere stati immessi in ruolo in una regione differente dalla propria, ma per la mobilità solo una domanda su dieci verrà accolta. Sul problema della mobilità dei docenti Anief nel 2013 è riuscita a togliere il vincolo quinquennale introdotto nel 2011, poi però reintrodotto nel 2018. Un vincolo che c'è nonostante 200mila posti vacanti". Così, in un'intervista all'Adnkronos/Labitalia Marcello Pacifico, presidente Anief. 

 

"Per la prima volta il sindacato Anief sarà presente ai tavoli per il rinnovo contrattuale e abbiamo tante proposte da portare avanti. Le prime riguardano quelle di avere un salario minimo ancorato al costo della vita". Così, in un'intervista all'Adnkronos/Labitalia, Marcello Pacifico presidente Anief. "Non è possibile - sottolinea - che dopo il blocco avvenuto per dieci anni, avere ancora oggi degli stipendi lontani 5-6 punti anche con i nuovi aumenti dell'inflazione". 

 

Se il Covid ha trasformato il mercato del lavoro bloccando attività produttive e colpendo circa 12 milioni di lavoratori tra dipendenti e autonomi, tuttavia, secondo le più recenti stime del Cnel, ci sono figure professionali molto richieste proprio in tempi di pandemia, ma introvabili. Ma quali sono le competenze più richieste dal mercato? Quali i percorsi formativi più spendibili oggi? Trainati da digitale e sostenibilità, sono 6 le figure che per le loro competenze e gli alti livelli di specializzazione non sono ancora diffusi sul mercato: si va dal Growth Hacker al Cloud Architect, dal Broacast architect all’Energy Manager, fino allo Ux Designer, diventato fondamentale per la progettazione dei siti di e-commerce che hanno ricevuto una grande spinta in questi mesi.  

 

Non solo Sangiovese. La Romagna del vino oggi si tinge di ‘giallo paglierino’ e ‘dorato’ e il binomio nazional-popolare con il rosso per eccellenza, evocato dalle intramontabili note del compianto Raoul Casadei, lascia spazio a vitigni di questa terra meno cantati e decantati, quelli a bacca bianca. Così, in Romagna è l’ora del riscatto per i vini bianchi, che nulla hanno da invidiare ai ‘cugini’ di altre regioni, in particolare a quelli aromatici. Vitigni autoctoni, capitanati dall’Albana, prima Docg d’Italia a bacca bianca per troppo tempo associata solo alla versione dolce, che esprimono quel territorio che dalle colline degrada verso la riviera adriatica. E proprio dal territorio la Romagna del bianco vuole ripartire per puntare a uno sviluppo dell’enoturismo che da queste parti è ancora agli albori ma che ha enormi potenzialità. A trainare il rilancio è il Club dei bianchi di Romagna, sodalizio nato nel 2017 per volontà di alcuni produttori e che oggi associa 12 cantine, unite da un comune obiettivo: promuovere i vini bianchi di Romagna, renderli memorabili, creando visibilità e reputazione, favorendone la conoscenza e la diffusione, cominciando dal territorio romagnolo, per estendersi all’intera Penisola.  

 

La Cannoleria Siciliana, in prima fila per la ripartenza post Covid, continua a puntare sulla Capitale e aprirà sabato 17 aprile in Via Tiburtina 328 il suo sesto shop dedicato allo street food siciliano. Attivo a Roma fin dal 2010, il marchio inventato e lanciato da Yousef Sharafi, ha conquistato rapidamente i consumatori di ogni quartiere della città grazie alla sua varietà di cannoli rigorosamente prodotti con ricotta di pecora siciliana proveniente dai pascoli agrigentini: dal classico con frutta candita a quello con le sole scagliette di cioccolato passando per la granella di nocciola, pistacchio, nutella e la possibilità di realizzarlo a proprio piacere. Un prodotto goloso pensato proprio per tutti: La Cannoleria Siciliana, infatti, propone anche una ricetta del cannolo senza glutine. 

 

"Ancora una volta ci ritroviamo a fare una battaglia nei tribunali per far riconoscere quello che la legge dice già da 30 anni: chi supera un concorso è idoneo a quel concorso ad esercitare quella professione. Gli idonei, per legge, dovrebbero essere inseriti nelle graduatorie finali per essere assunti. Il fine del concorso è quello di assumere chi viene selezionato, ma se questo è il fine perché chi è idoneo e supera la selezione non deve essere assunto". Così, in un'intervista all'Adnkronos/Labitalia, Marcello Pacifico, presidente Anief, riferendosi ai primi risultati del concorso straordinario. 

Altri articoli...