Lavoro - il Centro Tirreno - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Mar, Giu

Lavoro

Le ultime notizie dal mondo del lavoro: occupazione, opportunità di lavoro, pmi, made in Italy, start up, innovazione e agroalimentare, professioni e previdenza, formazione e altro

 

Il congresso Federmanager, riunito oggi in seduta straordinaria, ha riconfermato Stefano Cuzzilla alla presidenza della Federazione dei dirigenti del settore industriale e servizi. Attualmente al suo secondo mandato, Cuzzilla ha ricevuto il consenso del 98,4% dei delegati votanti, con nessun voto contrario, e guiderà quindi Federmanager fino al 2024.

 

Vaccinazioni anti-Covid in azienda: la prima a partire sarà la Lombardia che ha già approvato un protocollo d’intesa insieme con Confindustria, Confapi e l’Anma, l’associazione dei medici competenti. Presto altre Regioni seguiranno: Friuli Venezia Giulia, Veneto, Puglia e Trentino Alto Adige ci stanno lavorando.

 

In media annua si osserva un calo dell’occupazione senza precedenti (-456 mila, -2,0%), associato alla diminuzione della disoccupazione e alla forte crescita del numero di inattivi. Lo rileva l'Istat. 

Inoltre, la diminuzione delle posizioni dipendenti (-1,7%) e del monte ore lavorate (-13,6%), così come l’aumento del ricorso alla Cig (+139,4 ore ogni mille lavorate), sono più marcati nel comparto dei servizi rispetto a quello dell’industria. 

 

La pandemia da Covid che ha interessato l’intero 2020, e perdura anche in questa prima parte del 2021, ha pesantemente inciso sull’economia mondiale. E non potevano sfuggire i comparti della gelateria, pasticceria, panificazione artigianali e caffè, di cui il Sigep (quest’anno nell’edizione interamente digitale Sigep Exp dal 15 al 17 marzo) di Italian Exhibition Group è la manifestazione di riferimento.

 

La pandemia continua ad avere un peso importante sul settore travel. Le scelte dei consumatori sono sempre più attente alle misure sanitarie e di sicurezza implementate dai governi. Passaporto vaccinale, test Covid-19 gratuiti e riduzione della quarantena sono considerati elementi chiave per la ripresa dei viaggi internazionali.

 

Ad oggi sono già stati programmati oltre 1.300 business meeting da buyer provenienti da 56 paesi nel mondo: Sigep Exp - The Digital Experience, edizione 'fully digital' della manifestazione di Italian Exhibition Group (Ieg) dedicata a gelateria, pasticceria e panificazione artigianali e caffè, dal 15 al 17 marzo, parla il linguaggio dell’internazionalità e del business.

 

"L'impatto del Covid sulle nostre scelte quotidiane ci porta a valorizzare il rapporto con la natura, a cercare beni di maggiore qualità e durata sinonimi di scelte consapevoli del patrimonio di materie delle terra. Assistiamo, dunque, nonostante un rallentamento mondiale dei consumi del fashion, a un'evoluzione costante da parte delle aziende verso la proposta di prodotti sostenibili".

 

"Per le partite Iva come Confassociazioni siamo molto preoccupati". Lo dice in un'intervista all'Adnkronos/Labitalia Angelo Deiana, presidente di Confassociazioni. "Lo scostamento di bilancio di 32 miliardi - fa notare - è stato approvato dal Parlamento il 20 gennaio scorso.

 

Si è appena concluso il Corso di aggiornamento professionale di Bari organizzato da Federpol, con grande soddisfazione dei partecipanti e dei formatori. Al centro del corso, che ha raccolto una cospicua adesione da parte di investigatori privati di tutta Italia con formatori che hanno approfondito tematiche e aggiornamenti fondamentali per chi è titolare o collaboratore di una agenzia investigativa, gli aspetti legati all’'ambito privato'.

 

L’emergenza sanitaria influisce anche sulla guida delle imprese, e rende indifferibile la formazione di nuove figure manageriali: innovative, aperte, flessibili, in grado di coinvolgere e di far crescere i propri collaboratori. Sono gli open manager, gli unici in grado di gestire l’incertezza e l’imprevedibilità che caratterizzerà sempre più a livello globale il mondo delle aziende.