Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Sab, Dic

Abbiamo 150 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

In Italia la ragazza portata contro la sua volonta' in Pakistan. Menoona non tornerà a casa, andrà in comunita'

In Italia la ragazza portata contro la sua volontà in Pakistan. Menoona non tornerà a casa, andrà in comunita'

Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'incontro con la famiglia non ha cambiato le cose, rifiutano lo sposo che la ragazzah a scelto e non le permettono di studiare. Il padre: 'A cosa le serve?'

In Italia la ragazza portata contro la sua volonta' in Pakistan. Menoona non tornerà a casa, andrà in comunita'
In Italia la ragazza portata contro la sua volonta' in Pakistan. Menoona non tornerà a casa, andrà in comunita'



"Sono molto contenta di essere tornata qui in Italia". Lo ha detto all'ANSA Menoona Safdar, la 23enne rientrata giovedì sera dal Pakistan. "Questa notte ho dormito in albergo, vicino all'aeroporto di Malpensa. "Nessuno è venuto a prendermi", ha confidato. "Ho dormito poco - ha aggiunto, ero molto agitata ma il viaggio di ritorno è andato bene.

La ragazza trattenuta contro la propria volontà in Pakistan dalla sua famiglia, è atterrata all'aeroporto con un volo proveniente da Doha.

Grande soddisfazione del ministro Enzo Moavero Milanesi. "Il positivo esito, che ha posto fine a una grave violazione dei diritti fondamentali della giovane donna, è stato reso possibile, a seguito del personale interessamento del ministro, dall'efficace azione della nostra Ambasciata a Islamabad in stretto raccordo con la Farnesina", si legge in una nota del Ministero degli Esteri.

Memoona Sadfir sarà ospitata in una località protetta. La sua famiglia infatti, che la giovane ha incontrato nella loro abitazione di Bovisio Masciago (Monza), non ha intenzione di accettare il suo sposo e di permetterle di studiare perché "le servirebbe solo per poi lavorare, avere una stabilità e far venire qui suo marito, e allora cosa studia a fare", ha detto suo padre mentre incontrava la ragazza.

L'uomo, il fratello Raza e sua madre, quando la giovane ha varcato la porta hanno manifestato commozione, ma nel momento in cui hanno iniziato a parlare, la loro posizione non è cambiata. Memoona, nonostante il tentativo di riavvicinamento, ha spiegato di aver subito pressioni e violenza in Pakistan per la decisione di volersi sposare con un uomo che a suo padre non piaceva, e di essere fuggita con lui per sottrarsi alla collera dei familiari. "Mio zio mi ha picchiato, forte - ha spiegato - sono scappata e i documenti li hanno presi loro in quel frangente". Poi, ha proseguito, "mio padre ha denunciato mio marito per rapimento, ma la realtà è che per loro era troppo povero". Poi ha proseguito "è tutto documentato in Ambasciata".

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003
il Centro Tirreno - Quotidiano online
Meteo

Seguci anche su Facebook

il Centro Tirreno - Quotidiano online
News e approfondimenti
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-ct-cca-001