La comunità italo argentina di Buenos Aires parla con Radio ICN New York: Cristina Borruto ospite al Ciao Tony Show di Antony Pasquale
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Ven, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

La comunità italo argentina di Buenos Aires parla con Radio ICN New York: Cristina Borruto ospite al Ciao Tony Show di Antony Pasquale

La comunità italo argentina di Buenos Aires parla con Radio ICN New York: Cristina Borruto ospite al Ciao Tony Show di Antony Pasquale

Amici all'Estero
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

di Edda Cinarelli, Italiani a Buenos Aires

 

Cristina Borruto
Cristina Borruto, foto by Tanino Maricciolo

 

Cristina Borruto è da anni la conduttrice di quasi tutte le manifestazioni culturali della nostra collettività. Lavoratrice instancabile, non si ferma mai e può passare dalla città di Buenos Aires a quella di La Plata per presentare più di una manifestazione nello stesso pomeriggio. La conosciamo da anni; sempre su un palco, presentando balletti e cantanti, non solo della nostra collettività ma anche del folclore, del tango, della musica argentina. Capace, onesta, umile e discreta ha saputo conquistarsi la stima di un enorme pubblico. Scrive cronache e collabora da anni con il periodico Voce d’Italia, con Tribuna Italiana e con la rivista l’Albidonese, diretta da Michele Munno.Intanto ha ammucchiato innumerevoli premi e riconoscimenti vari, per cui non può passare inosservata e nel libro “Fare Fortuna, Storie di Calabresi Lontani di casa”, ecc., le hanno dedicato un capitolo, dove si racconta la sua storia e la sua relazione con la cultura calabrese.

Sei nata in Argentina o in Italia e dove sono le tue radici?

"Sono nata nella Provincia di Buenos Aires, a Ramos Mejia, nel seno di una famiglia di Reggio Calabria. I miei genitori erano attaccatissimi alle loro radici, alla loro cultura, tanto culinaria quanto culturale."

Perché quest’attaccamento alle radici?

"All’inizio per i miei genitori. Grazie a loro ho imparato ad amare la Calabria e l’Italia. Da bambina andavo già alle feste, in cui si mangiavano piatti tipici calabresi e si ballavano le danze del sud dell’Italia. Il risultato è che ho due patrie, ugualmente importanti per me. Seguendo questo mio interesse piano piano sono entrata nel mondo dell’associazionismo calabrese a Buenos Aires e in seguito ho iniziato ad avere un dialogo costante con rappresentanti di spicco della Regione Calabria. Il mio obiettivo principale è quello di valorizzare costantemente il contributo fondamentale degli immigrati italiani alla cultura Argentina."

So che hai vissuto vari anni in Italia, quest’esperienza di ha fatta identificare ancor di più con la cultura italiana?

"Sicuramente, fino a allora l’Italia era presente nella mia vita come un humus che alimentava la mia famiglia, un amore spirituale. Quando mi sono trasferita in Italia, finalmente ho potuto conoscere di persona il mio paese, l’Italia, viverci. L’esperienza mi ha arricchita ed ha rafforzato la mia identità di argentina di origine italiana. Sono andata a vivere in Lombardia dove la gente mi ha accolta e accettata con molto affetto e ho stretto forti amicizie che sono per tutta la vita. In Italia è nata mia figlia Giannina, che ora è già laureata in Giurisprudenza, mentre al ritorno in Argentina ho avuto mio figlio Matías."

C’è qualcuno della nostra collettività cui sei particolarmente attaccata?

"Alla maggior parte delle persone che ho conosciuto durante questi anni d’intenso lavoro, a tutti quelli che mi sono stati accanto e mi hanno sostenuta con il loro apprezzamento."

Come vedi il presente della collettività e cosa credi che succederà in futuro?

"L’immigrazione italiana non si è fermata, negli ultimi anni sono arrivate nuove persone, tra cui molte donne, in maggior parte lombarde. Credo che questi nuovi migranti ma anche i nostri figli continueranno la nostra attività anche se in modo diverso. A proposito menziono il gruppo google Seratanas, che riunisce donne nate in Italia, poi Italiani a Buenos Aires, un altro gruppo di Facebook, con circa dieci mila iscritti tra italiani e italo argentini. Cambia la veste, ma nel fondo sono simili a quelli di prima, sono gruppi di mutuo soccorso, con la diversità che si rapportano con strumenti telematici."

La fama di Cristina Borruto è in ascesa tanto che nei giorni scorsi è stata ospite via video intervista del programma Ciao Tony Show di Antony Pasquale di New York.

 

di Edda Cinarelli, Italiani a Buenos Aires

 

Italiani a Buenos Aires
Italiani a Buenos Aires

FONTE: La comunità italo argentina di Buenos Aires parla con Radio ICN New York: Cristina Borruto ospite al Ciao Tony Show di Antony Pasquale

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook