La SIBO, la SIFO e gli alimenti fermentabili
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Sab, Giu

La SIBO, la SIFO e gli alimenti fermentabili

Video News
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

(Adnkronos) - Tra le tante sigle che, in poche lettere, sintetizzano una molteplicità di patologie gastrointestinali a volte anche particolarmente complesse, figura a buon titolo la SIBO e la variante SIFO, rispettivamente acronimi di Small Intestinal Bacterial Overgrowth e Small Intestinal Fungal Overgrowth. 

Si tratta di quadri clinici caratterizzati da una ‘Crescita Eccessiva di Batteri (SIBO) o di funghi (SIFO) nel piccolo intestino’, cioè nel lungo tratto dell’intestino tenue dove, in condizioni normali, il numero di microrganismi è relativamente basso rispetto al colon. 

Tanto la SIBO quanto la SIFO, manifestandosi con sintomi diversi e generalmente ingravescenti a metà tra intestinali, cardiaci e respiratori per comparsa di strane tachicardie, extrasistoli, tosse e disfonie, richiedono un approccio diagnostico, terapeutico e nutrizionale accurato e competente per essere gestite con efficacia. 

Al fine di prevenire, curare e stabilizzare queste condizioni è indispensabile prendersi cura della salute intestinale, gestire bene lo stress e alimentarsi sempre in maniera equilibrata. 

Ma perché si generano la SIBO e la SIFO? Come e da dove parte l'input che porta all'insorgenza di questi quadri patologici così diffusi e non di rado invalidanti? Qual è il ruolo dell'alimentazione e quali e quanti cibi sarà possibile ammettere o sarà necessario cancellare nella dieta dei pazienti portatori di tali patologie? Si guarisce da SIBO e SIFO? E come? Servono i gastroprotettori? E gli sciroppi per la tosse o gli aerosol? 

Quel che intanto sull’argomento si può dire con certezza è che il "fai da te" è fortemente controindicato, l'approssimazione ancora di più. Dunque, informarsi correttamente e compiutamente su condizioni come SIBO e SIFO può fare la vera differenza. 

Se ne parla venerdì 31 maggio nella nuova puntata di “τροφήν, la prima medicina”, la rubrica online curata dall’immunologo Mauro Minelli, docente di dietetica e nutrizione umana presso l’Università LUM di Bari, e dedicata all’impatto dell’alimentazione sulla salute umana. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.