Omicidio Vannini, difesa Ciontoli: "Annullare condanne, sentenza illogica" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Sab, Mag

Omicidio Vannini, difesa Ciontoli: "Annullare condanne, sentenza illogica"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Annullare le condanne a carico della famiglia Ciontoli e fare un nuovo processo per l'omicidio di Marco Vannini, ucciso da un colpo di pistola nella notte tra il 17 e il 18 maggio 2015 mentre era a casa della fidanzata a Ladispoli, sul litorale romano. Lo ha chiesto l’avvocato Giandomenico Caiazza, difensore della famiglia Ciontoli, davanti ai giudici della Quinta sezione penale della Cassazione, chiamati a decidere sul caso. 

Omicidio Vannini, difesa Ciontoli: "Annullare condanne, sentenza illogica"

 

"Quella d’appello è una sentenza illogica, disseminata di insensatezze", ha detto l’avvocato. "Se c’è omicidio volontario significa che c’era adesione alla possibilità della morte di Vannini- ha aggiunto- ma questo come è compatibile col fatto che hanno chiamato i soccorsi?". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002