Roma, smantellata piazza spaccio a Tor Bella Monaca: 21 arresti - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Sab, Mag

Roma, smantellata piazza spaccio a Tor Bella Monaca: 21 arresti

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Smantellata piazza dello spaccio a Tor Bella Monaca. I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, su richiesta della locale Dda, ha arrestato 21 persone, tra cui due donne, e sottoposto all’obbligo di presentazione alla pg altre 14 persone, di cui due donne. Sono tutti accusati di associazione finalizzata allo spaccio di cocaina nel

quartiere di Tor Bella Monaca.  

L’ennesima indagine volta a contrastare le piazze di spaccio nel quartiere di Tor Bella Monaca, questa volta quella di via Camassei, eseguita dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Frascati, ha fatto luce su una vera e propria organizzazione criminale, con a capo un’unica famiglia del posto, gerarchicamente strutturata.  

Nel corso delle indagini è stata accertata la loro efficienza nel mantenere inalterata la sua operatività nonostante i ripetuti arresti e sequestri di sostanze stupefacenti operati in flagranza. I vertici dell'organizzazione hanno adottato puntualmente mirati accorgimenti finalizzati a rendere l’associazione impermeabile alle attività investigative, utilizzando utenze telefoniche fittizie sostituite a ogni arresto.  

Inoltre, al fine di garantire la lealtà degli appartenenti, i vertici dell’associazione fornivano contributi economici per la difesa legale e il sostentamento al detenuto e ai familiari, creando di fatto un “ammortizzatore sociale”. I profitti derivanti dallo spaccio, secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, si aggiravano su oltre 220mila euro settimanali, con picchi nel week-end. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002