Galli-Cacciari, scontro video sul coprifuoco - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Gio, Mag

Galli-Cacciari, scontro video sul coprifuoco

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Scontro sul coprifuoco tra professori: da una parte Massimo Galli, dall'altra Massimo Cacciari. Il ring è a Cartabianca. "La questione dell’orario è assurda. Non sono un virologo ma mi intendo un po’ di logica", dice Cacciari contestando la validità del coprifuoco fissato alle 22. Al filosofo e politilogo

replica il professor Galli, responsabile di malattie infettive del Sacco di Milano. "La logica è limitare l’uscita delle persone la sera", dice il medico. "E allora dica che va impedita l’uscita delle persone, dica che bisogna stare a casa. Non difenda l’orario delle 21, delle 22 o delle 23", ribatte Cacciari. "Devono uscire il meno possibile le persone. Il discorso delle aperture è stato anticipato ed è stato un errore", afferma Galli, mentre l'interlocutore incalza: "Allora la logica afferma che non bisogna uscire di casa: lockdown", taglia corto Cacciari. 

"Mi sta tacciando di voler difendere una cosa che non voglio difendere", dice Galli con una manovra evasiva. "Lei sa che i luoghi in cui si diffonde sono i mezzi di trasporto, le metropolitane, forse la scuola, con i ragazzi che infettano padri e nonni. Il contagio non è favorito da chi esce la sera, ma dall’assembramento serale e quello si può controllare. Io non sono un virologo, ma cerco di ragionare", l'azione di Cacciari. Galli, però, è perentorio: "Su questo non ragiona". Il medico, da mesi, viene accostato all'ala pessimistica dell'esercito di virologi e esperti. 

"Io Cassandra? Me lo sono detto tante volte da solo, non c’è problema. Non mi diverto ad essere pessimista. Ma un po’ di sano pessimismo avrebbe salvato vite a tempo debito. Mi stanno dicendo di tutto, con i fiancheggiatori di certi giornali e di una certa politica. Se dati e opinioni tecniche vengono strumentalizzati… lo scenario politico di questo paese è di assoluto squallore. Cosa dobbiamo fare?", dice, prima di tornare a bocciare le riaperture decise il 26 aprile. "Abbiamo avuto una serie di aperture, non potevamo aprire in sicurezza con i numeri che avevamo. Vediamo come sarà la situazione verso la fine del mese. Mi auguro che la progressione dei vaccini riesca a compensare i danni delle aperture e a darci respiro". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002