Covid, Palù: "Virus già da settembre 2019, Cina zitta per 3 mesi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Mar, Giu

Covid, Palù: "Virus già da settembre 2019, Cina zitta per 3 mesi"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Le origini del coronavirus? "C’è poco da dire: il virus è cinese perché è lì che è nato e lì si è sviluppato". Ma "i cinesi nel 2000 sono stati zitti almeno 6 mesi prima di parlare del virus della Sars, e in questo caso sono stati zitti almeno tre mesi perché già a settembre 2019 era presente". Lo ha sottolineato il presidente dell’Aifa Giorgio Palù nel corso del punto stampa della Regione Veneto ripercorrendo la storia delle mutazioni del Sars-Cov-2. 

"La variante Sudafricana e la variante Brasiliana - ha aggiunto -, sono importanti perché aumentano il fattore di diffusione e resistono agli anticorpi. La variante Sudafricana è la più preoccupante perchè si diffonde di più, da 3 a 5 volte rispetto alle altre, ma i vaccini funzionano". "La variante indiana: è la somma di due varianti che si sono diffuse. Ci sono una ventina di lavori che dicono alcuni che è più contagiosa, altri che dicono che lo è meno. Non ci sono ancora evidenze scientifiche che confermino che questa variante sia più virulente e letale- ha sottolineato-. La variante Inglese è oggi la dominate, nel nostro Paese è al di sopra del 91% dei casi, mentre la Sudafricana è in calo e per la Nigeriana ci sono soli pochi casi", ha spiegato. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002