Di Battista: "Bene M5S su Durigon, vada fino in fondo, costi quel che costi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Mer, Giu

Di Battista: "Bene M5S su Durigon, vada fino in fondo, costi quel che costi"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Leggo che il M5S ha presentato una mozione di revoca nei confronti del sottosegretario leghista all'Economia e alle finanze Claudio Durigon. E' una scelta giusta, un'azione che chiedevo, in quanto elettore del M5S, già giorni fa, perché non è dignitoso che Durigon ricopra ancora un ruolo così importante all'interno del Mef che è capofila della gestione dei denari del Recovery Fund". Così Alessandro Di Battista commenta all'Adnkronos la mozione presentata dal Movimento. 

"Durigon, grazie all'inchiesta di 'Fanpage' che ha intercettato le sue frasi - incalza - sostiene che la Lega, di fatto, possa controllare coloro che stanno facendo le indagini sui 49 milioni di euro prelevati alla collettività da parte del partito di Salvini. E' una vergogna e lo è, ovviamente, se quel che dice fosse vero ma è altrettanto una vergogna se quel che dice, cosa probabile, fosse la millanteria di uno spaccone. Ciononostante le dimissioni sono doverose e spero che il M5S vada fino in fondo, costi quel che costi - conclude Di Battista -, anche abbandonare questo governo dell'assembramento nel caso in cui non dovessero sopraggiungere le dimissioni di Durigon". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002