Sequestrano ragazzino dopo lite sui social, arrestati tre 20enni - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Dom, Giu

Sequestrano ragazzino dopo lite sui social, arrestati tre 20enni

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Tre ventenni sono stati arrestati dopo aver sequestrato e minacciato un ragazzino. E' accaduto a Tarquinia (Viterbo). I Carabinieri della Stazione di Tarquinia, Viterbo, hanno arrestato i tre giovani (di 20, 21 e 23 anni) in flagranza di reato con l’accusa di sequestro di persona aggravato in concorso.

Già noti alle forze dell’ordine, avevano prima contattato e raggiunto un ragazzino minorenne che negli ultimi tempi si è trasferito a Tarquinia, con il quale hanno iniziato a discutere animatamente per motivi riconducibili ad apprezzamenti espressi sui social da parte di uno dei tre nei confronti della sua giovane fidanzata.  

Al culmine della lite i tre, minacciando con un coltello ed una mazza da baseball il ragazzo, hanno costretto il minore a salire a bordo della loro autovettura. Dopo alcuni minuti, la vittima è riuscita a divincolarsi dagli aggressori e ad allertare i Carabinieri. I militari della Stazione di Tarquinia hanno intercettato in brevissimo tempo l’autovettura in un parcheggio del centro cittadino e subito dopo i tre che, alla vista dei carabinieri, avevano cercato di nascondersi non lontano. 

Gli autori del folle gesto, che per un soffio non è degenerato in un violento pestaggio, sono stati quindi arrestati e posti a disposizione dell’Autorità giudiziaria che ha disposto nei loro confronti l'obbligo di dimora nel Comune di residenza, obbligo di permanere in abitazione dalle 20 alle 6, nonché divieto di avvicinamento alla persona offesa. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002