Rt e zone, mercoledì incontro governo-Regioni - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Dom, Giu

Rt e zone, mercoledì incontro governo-Regioni

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'analisi dei parametri che determinano l'Rt e il cambio di colore delle regioni al centro dell'incontro tra governo e Regioni in programma mercoledì 12 maggio. Un incontro, cui dovrebbero partecipare il ministro della Salute Roberto Speranza e i ministro degli Affari Regionali Mariastella Gelmini, preceduto da una riunione dei tecnici per vagliare alcune delle proposte.  

alternate text

 

Secondo quanti si apprende, la volontà dei presidenti è di considerare non l'indice di diffusione del contagio per l'attribuzione dei colori, come avvenuto finora, ma l'Rt ospedaliero.  

"Credo sia ragionevole e decisivo valutare l’utilizzo di nuovi parametri rispetto all'Rt per determinare fasce di colore e nuove aperture. Oggi siamo di fronte ad una situazione completamente diversa. Lo scenario è cambiato: sono state messe in sicurezza le categorie a rischio, e quotidianamente cresce la percentuale di cittadini immunizzati", dice il sottosegretario alla Salute Andrea Costa. 

"Sarebbe un errore – spiega Costa - non riequilibrare il peso dell'Rt con l'utilizzo di altri parametri. Tra le ipotesi che si stanno valutando ci sono, per esempio, quella dell'Rt ospedaliero e quella dell’indice legato alla vaccinazione: basandoci sui numeri che stiamo ottenendo con il piano vaccinale, potremmo vincolare certe riaperture al numero di dosi inoculate e alla percentuale di immunizzazione di determinate fasce d’età, penso agli over 80, 70, 60, agli ospiti delle Rsa, ai fragili", aggiunge. "Insomma, le fasce più vulnerabili. Tutto ciò - conclude - ci permetterebbe, innanzitutto, di presentare un parametro concreto e comprensibile ai cittadini e assegnerebbe maggiore credibilità alle scelte". 

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002