Covid, "a luglio vaccinato il 60% degli italiani" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Mer, Giu

Covid, "a luglio vaccinato il 60% degli italiani"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I 40enni da lunedì prossimo, 17 maggio, possono iniziare a prenotare e saranno vaccinati contro il Coronavirus nel mese di giugno. Lo dice il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario dell'emergenza Covid, a 'Diritto e Rovescio'.

"Questo target è legato al piano. Gli ultra 80enni li abbiamo messi in sicurezza, bisogna programmare in attesa dell'afflusso massiccio di vaccini a giugno" sottolinea, spiegando di contare di vaccinare il 60% della popolazione "entro luglio". 

Il commissario ha ricordato gli obiettivi della struttura commissariale: con i vaccini, "dobbiamo chiudere a fine settembre, io spero che con un afflusso massiccio di vaccini si possa andare sempre più spediti". Quanto alle aziende, Figliuolo ha ribadito che "potranno iniziare a vaccinare da giugno i loro dipendenti, sono 730 quelle che si sono iscritte al nostro progetto: dobbiamo intercettare la ripresa economica al più presto". Il generale farà la seconda dose di AstraZeneca a inizio giugno. Su questo vaccino, "bisogna riacquistare la fiducia, i vaccini sono indispensabili" 

"L'obiettivo delle 500mila vaccinazioni al giorno è stato raggiunto - sottolinea -, bisogna tenerlo in maniera costante, la settimana scorsa abbiamo fatto 3,26 mln. Questi sono obiettivi medi, in questo mese a maggio, noi avremo a disposizione 17 milioni di vaccini. Ci potrebbero essere dei punti morti che ci possono portare a un calo, ma io sono soddisfatto e si potrà incrementare a giugno perché avremo un più cospicuo numero di vaccini". 

"Il ritardo - aggiunge - lo recupereremo a giugno, maggio è un mese di transizione, a giugno quando arriveranno più dosi, mi attendo sui 23-24 milioni, la capacità sarà pronta a inoculare tutto ciò che è possibile farlo. Io sono confidente". Secondo Figliuolo, "l'Italia quando fa squadra vince, con volontari e associazionismo". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002