In Italia 27 milioni di vaccinati, ipotesi coprifuoco alle 23 - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Mer, Giu

In Italia 27 milioni di vaccinati, ipotesi coprifuoco alle 23

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Mentre sempre più persone in Italia sono state vaccinate, il governo lavora all'ipotesi di spostare il coprifuoco. Su questo e sulle possibili nuove riaperture si decide domani, quando a Palazzo Chigi si svolgerà la cabina di regia tra le forze di maggioranza. La rotta resta quella ribadita dal premier Mario Draghi a Porto, a

margine del summit europeo, ovvero riaperture nel segno della "ragionevolezza e della prudenza". Ma uno slittamento a breve del coprifuoco alle 23 o alle 24 sembra praticamente certo. 

"Lunedì verrà presa una decisione in senso positivo sullo spostamento alle 23 o alle 24", ha detto ieri all'Adnkronos Salute il sottosegretario alla Salute Andrea Costa. "Un segnale che io reputo positivo nella logica della gradualità. Ma è chiaro che a giugno si andrà verso l'abolizione, questa è più di un'ipotesi. I dati oggi ci dipingono una situazione positiva dei contagi e dei ricoveri in ospedale e si vede un miglioramento dei parametri di settimana in settimana".  

Da più parti si continua a insistere sull'abolizione. Per il governatore lombardo, Attilio Fontana, "il discorso del coprifuoco in una situazione del genere va rivisto. Due settimane fa abbiamo chiesto come Regioni che si passasse alle 23, adesso, anche per favorire il turismo, credo si debba o eliminare completamente o limitarlo a poche per notte. Io sono dell'opinione che si dovrebbe eliminare completamente. Difficile convincere un turista a passare una vacanza in Italia se sa di dover tornare in albergo alle 22 o alle 23". 

L’Italia ha dati sanitari confortanti “che ci permettono di chiedere, a nome di migliaia di sindaci e di tutte le Regioni, il ritorno al lavoro, alla libertà e alla vita”, ha ribadito il leader della Lega Matteo Salvini, durante la videoconferenza di questa mattina in vista della cabina di regia di domani. 

Sono 27.011.116 le dosi di vaccino contro il Covid somministrate in Italia e 8.475.672 (pari al 14,30% della popolazione) le persone che hanno ricevuto anche la seconda dose. Questo quanto si legge sul sito del governo sul quale si sottolinea che sono state immunizzate 15.157.560 donne e 11.853.556 uomini. In totale sono stati consegnati 30.101.660, e ne sono stati somministrati l'89,7%. La Lombardia ha somministrato 4.667.612 dosi su 5.080.230 consegnate (pari al 91,9%), il Lazio 2.597.845 su 2.985.470 dosi consegnate (87%) , la Campania 2.455.971 su 2.707.535 dosi consegnate (il 90,7%) e il Veneto 2.282.267 su 2.439.860 dosi consegnate (pari al 93,5%). 

Tutta Italia in zona gialla da domani ad eccezione della Valle d'Aosta che resta arancione. Dunque nuova mappa colori delle Regioni. Una nuova ordinanza per contenere la diffusione del coronavirus, firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia del 14 maggio 2021, porta infatti in zona gialla le Regioni Sicilia e Sardegna.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002