Politica - il Centro Tirreno - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Mer, Giu

Politica

Le notizie dal mondo politico: aggiornamenti, sondaggi, analisi e approfondimenti

"Nessuno sta parlando di partiti unici, un conto è collaborare, federare, unire le forze altro è mischiare partiti dalla sera alla mattina. Gli italiani non ci chiedono giochini ma fatti". Lo ha detto Matteo Salvini a Stasera Italia. "Un nuovo partito non ce lo chiede nessuno. I giochini, come quelli di Conte, mi interessano poco", ha sottolineato il leader della Lega  

A sentire il 'padre' delle primarie, Arturo Parisi, il crollo dell'affluenza a Torino - e i timori per un rischio analogo a Bologna e Roma - non è imputabile al tramonto di uno strumento di partecipazione come quello dei gazebo. Le ragioni vanno cercate altrove. "Non sono le primarie di Torino - dice il professore ulivista all'Adnkronos - ad appesantire il mio sconcerto di fronte alla fine che la dirigenza Pd sta facendo fare allo strumento che continua a ricondurre con esibito orgoglio al Dna del partito". 

"'Un voto dato alla destra'. Ripetono sempre e solo le stesse cose. Mai un’idea. Però posso essere considerato simpatico e capace. Ma solo dalla destra. Sia chiaro". Lo scrive Carlo Calenda su Twitter commentando le dichiarazioni del segretario regionale del Pd Lazio, Bruno Astorre. "E’ chiaro che ogni voto dato a Calenda è un voto dato alla destra - aveva spiegato Astorre all'Adnkronos parlando delle elezioni romane -.

"Si tratta di una scelta personale e non solo politica, una scelta maturata nel corso dell'ultimo anno. Fratelli d’Italia è la famiglia a cui mi sento di appartenere". Lo ha detto Federico Sboarina, sindaco di Verona, annunciando il suo passaggio a Fratelli d'Italia, nel corso di una conferenza stampa nella città scaligera, in presenza della leader di Fratelli d'Italia. 

Pd primo partito alle prossime elezioni con il 20,8, Lega al terzo posto con il 20,1 dietro Fratelli d'Italia con il 20,5. Il sondaggio Ipsos fa discutere. L'istituto di ricerca, attacca il leader della Lega su Facebook "lavora per il partito Democratico e, miracolosamente, sforna l’unico sondaggio italiano che vede il Pd primo partito davanti alla Lega" . "Mentre tutti gli altri vedono la Lega nettamente primo partito. I casi della vita… . Noi andiamo avanti, per il bene dell’Italia, con lavoro, pazienza e sorriso". 

“Sono stato vittima di una vile aggressione fisica avvenuta nei miei confronti nella piazza Matrice di Casteldaccia da un soggetto che, prima dell’aggressione, mi ha accusato di avere ‘denunciato alla Camera dei Deputati gli episodi di voto di scambio avvenuti durante le elezioni amministrative del 2018 a

"Il Partito democratico dà un giudizio negativo su come è stata amministrata Roma in questi cinque anni, quindi noi ci proponiamo per un cambiamento. Roberto Gualtieri è per noi il candidato giusto, perché è stato ministro dell'Economia, è la persona che ha costruito il Pnrr in questi anni, è la persona giusta per applicare queste importantissime novità per Roma, perchè Roma in quanto capitale giocherà un ruolo essenziale".

"Siamo cambiati senza mai rinunciare a noi stessi, soprattutto ai nostri valori. Rappresentiamo quella parte del Paese che ha più bisogno del cambiamento, il ceto medio che paga le tasse, che non si tira mai indietro e che porta ogni giorno sulle spalle il peso della collettività.

Stefano Lo Russo con 4229 voti pari al 37% dei consensi ha vinto le primarie del centrosinistra per la scelta del candidato sindaco di Torino. Complessivamente i voti, tra quelli in presenza e quelli online sono stati 11631. Al secondo posto con 3932 voti pari al 35% dei consensi si è classificato il civico Francesco Tresso.

Al governo per il taglio delle imposta, la riforma fiscale è un obiettivo. No a patrimoniale e tassa di successione. Sono alcuni dei punti che Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, tocca nella lettera che Il Giornale pubblicherà domani. "La riforma fiscale è uno degli obbiettivi con i quali partecipiamo al Governo Draghi.