Politica - il Centro Tirreno - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Mer, Giu

Politica

Le notizie dal mondo politico: aggiornamenti, sondaggi, analisi e approfondimenti

M5S, lo sfogo di Trizzino: "Deluso, ma non lascio"

Si dice "deluso" dal M5S, al quale è iscritto da molti anni, ma di non volere abbandonare perché "cambiare squadra è da meschini". E' lo sfogo di Giampiero Trizzino, deputato regionale del M5S in Sicilia e responsabile Ambiente nazionale del movimento. Su Rousseau "ho scelto di non votare, non per protesta o per chissà quale arcano motivo.

Governo Draghi, Mastella: "Tanti politici e a trazione nordica"

''Un governo con un eccellente presidente del Consiglio. Con poco Sud e a trazione troppo nordica...''. Così all'Adnkronos Clemente Mastella, ex Guardasigilli e attuale sindaco di Benevento, giudica la squadra di palazzo Chigi scelta da Mario Draghi, attesa oggi al Colle per il giuramento.

Caiazza (Penalisti): "con Cartabia termina epoca giustizialismo populista a via Arenula"

La nomina alla guida del dicastero di via Arenula di Marta Cartabia, "persona di sicura formazione e aderenza ai principi costituzionali, non fosse altro perché già presidente della Consulta", segna "la fine di un'epoca: il termine del giustizialismo populista alla guida del Ministero della Giustizia. Non possiamo che salutarla con grande soddisfazione, esprimendo l'augurio che a queste premesse tutte positive seguano anche fatti concreti".

Governo Draghi, giuramento in era Covid: cosa cambia

Il governo Draghi ha giurato oggi al Quirinale nella prima cerimonia in era Covid, una cerimonia sui generis, studiata per garantire il rispetto delle norme richieste dall'emergenza epidemiologica.  

Governo Draghi e caos M5S, boom petizione: "Ripetere voto Rousseau"

Non si placano le polemiche nel M5S per la nascita del governo Draghi, anzi. La squadra di Draghi e la mancata unione tra il Mise e l'Ambiente per il nuovo ministero per la Transizione ecologica voluto da Beppe Grillo hanno alimentato la rabbia.

Governo Draghi e ministri, cosa dice la stampa estera

Ampio spazio per Mario Draghi sulla stampa internazionale nel giorno del giuramento del nuovo governo. "Un gigante d'Europa si prepara a guidare il nuovo governo di unità in Italia", titola il New York Times, che ricorda il ruolo di Draghi nel salvataggio dell'euro, che "avrà il compito di guidare l'Italia attraverso una pandemia devastante e imprevedibile", ma anche di "garantirne il futuro spendendo in modo saggio ed efficiente il pacchetto senza precedenti finanziato dal debito raccolto per la prima volta collettivamente da tutti i Paesi dell'Ue".

Governo Draghi ha giurato, ora il primo Cdm

Inizia ufficialmente l'era Mario Draghi. Poco prima delle 12 il nuovo presidente del Consiglio ha giurato al Quirinale leggendo la tradizionale formula di rito di fronte al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell'interesse esclusivo della nazione".

Governo Draghi, il 5S Dessì: "Voterò no a fiducia"

Il senatore del M5S Emanuele Dessì voterà 'no' alla fiducia al governo Draghi. Ad annunciarlo è lo stesso pentastellato in un post su Facebook nel giorno del giuramento del nuovo esecutivo: "Stamattina - scrive - invece è tutto molto chiaro e mi permette di poter affermare con sicurezza che voterò NO al governo Draghi.

Governo Draghi, base M5S in rivolta: "Ci avete svenduti"

"Il Movimento 5 Stelle, il suo spirito, è finito stasera". Increduli, delusi, molto arrabbiati. Il governo di Mario Draghi è realtà con i suoi 23 ministri e la base M5S in rivolta invade le pagine social del Movimento per manifestare tutto il suo malcontento. Contro quanti hanno caldeggiato il sostegno al nuovo esecutivo, certo, ma anche per aver permesso così il ritorno della Lega e, soprattutto, di Forza Italia.