Politica - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Gio, Ago

Politica

Le notizie dal mondo politico: aggiornamenti, sondaggi, analisi e approfondimenti

 

 

Superbonus 110% e proroga al 2023, ancora nulla di fatto. Secondo le ultime notizie, il Consiglio dei ministri convocato questa mattina è slittato e non c'è ancora un nuovo orario. Stando alle news di oggi proprio le tensioni sul superbonus, che sarebbe finanziato solo fino al 2022, sono tra i motivi che hanno portato al rinvio del Cdm.  

 

Recovery e superbonus al 2023, anche l'ex premier Giuseppe Conte, capo in pectore del M5S, interviene sulle frizioni in atto nel governo che hanno portato ad uno slittamento del Cdm. "La transizione ecologica è una priorità sia per me che per il Movimento 5 Stelle - scrive su Facebook - È un’occasione imperdibile per il nostro Paese e non può essere rimandata per difetto di lungimiranza o carenza di volontà politica. In quest’ottica, il superbonus 110% è una misura fondamentale per consentire non solo di salvaguardare il nostro Pianeta e abbattere in modo significativo le emissioni, ma anche per permettere a milioni di famiglie di risparmiare sui costi dell’energia e di rendere più sicure le proprie case sul piano antisismico". 

 

"Nella rubrica “Segretissimo” pubblicata su Il Tempo del giorno 22 aprile a firma del collaboratore Arnaldo Magro, l'autore ha sintetizzato a memoria in modo erroneo una frase pronunciata dal leader della Lega, Matteo Salvini durante la puntata di “Quarta Repubblica” del lunedì precedente. Non era testualmente corretta l'affermazione attribuita a Salvini “Qualcosina su come siano andate le cose mi ha detto il mio avvocato”, e al leader della Lega è stata anche attribuita una affermazione sull'avvocato Giulia Bongiorno che invece era stata pronunciata dal conduttore, Nicola Porro. Questa imprecisione di cui ci scusiamo innanzitutto con i lettori e con i protagonisti ha generato confusione e provocato polemiche politiche purtroppo fondate su una nostra imprecisione". Così il direttore del quotidiano 'Il Tempo' si scusa con i lettori, in un fondo che uscirà domani sul giornale. "Per ristabilire le cose riportiamo qui la trascrizione del passaggio di quella trasmissione con le parole esatte di quel dialogo", dice Bechi.  

 

E' sempre più preoccupante la situazione in India a causa della nuova ondata di contagi da coronavirus. Il gigante asiatico, con una popolazione di oltre 1,3 miliardi persone, segnala l'ennesimo record di nuovi casi confermati nell'arco di 24 ore: secondo il ministero della Salute, come riporta il Times of India, sono ben 346.786 e si sono registrati altri 2.624 decessi. Si tratta, sottolinea Ndtv, del bollettino delle vittime più triste mai comunicato dallo scorso anno. 

 

"La Lega sostiene convintamente Draghi e non abboccheremo alle provocazioni. Siamo determinati a collaborare per tutelare la salute, per utilizzare bene i fondi europei, per immaginare la nostra Italia da qui a qualche decennio e accelerare sulle riaperture". Lo scrive il segretario della Lega, Matteo Salvini, in una lettera al 'Corriere della Sera', in replica ad un editoriale apparso ieri sul quotidiano di via Solferino. 

 

Il Consiglio dei ministri, che dovrà esaminare il Pnnr, sarà convocato a breve per oggi alle 10. Il Pnrr, il Piano di ripresa e resilienza, sarà ultimato nei prossimi giorni, verrà presentato in Parlamento la prossima settimana e sarà inviato alla Commissione europea entro il 30 aprile. 

 

Quota 100 verso lo stop alla fine del 2021. Mentre il governo Draghi, con l'ultime bozza del Recovery Plan, sembra voler accantonare la riforma varata dal governo Conte I, prende quota in queste ore l’ipotesi che la misura possa essere sostituita da quella che gli addetti ai lavori definiscono quota 102. Anche in questo caso, come per quota 100, è richiesto il raggiungimento della quota con paletti fissati per età e contributi: 38 anni di contributi ed almeno 64 anni di età. La platea dei destinatari, quindi, rispetto alla riforma voluta dai gialloverdi si restringerebbe, con un anticipo di soli 3 anni al posto dei 5 consentiti dalla quota 100. Fonti del Mef confermano che è un ‘plan B’ su cui si sta ragionando, assieme alla possibilità di prevedere degli sconti contributivi per le categorie più svantaggiate. 

 

Centri commerciali di nuovo chiusi nel weekend. Secondo quando denunciato da Federdistribuzione, è stata infatti cancellata la riapertura prevista dal 15 maggio nel decreto riaperture pubblicato in Gazzetta Ufficiale con nuove regole da lunedì 26 aprile. La mossa non piace al leader della Lega, Matteo Salvini, che parla di cancellazione con "un vero e proprio blitz" e di "ennesimo schiaffo al buonsenso".  

 

Addio a Quota 100 alla fine del 2021. E' quanto prevede la bozza del Piano nazionale di ripresa e resilienza elaborato dal Governo e arrivato oggi sul tavolo del Consiglio dei ministri. "In tema di pensioni, la fase transitoria di applicazione della cosiddetta Quota 100 terminerà a fine anno e sarà sostituita da misure mirate a categorie con mansioni logoranti", si legge. L'esecutivo decide quindi di non prorogare la forma di pensionamento anticipato introdotto nel 2019 sperimentalmente per 3 anni, voluto dalla Lega, che consente l'uscita anticipata dal mondo del lavoro per chi vanta almeno 38 anni di contributi con un'età anagrafica minima di 62 anni. 

 

"Sono rimasto assolutamente sorpreso dalle polemiche, che ho trovato del tutto strumentali. Polemiche, tuttavia, che provengono da una sola parte, il Movimento 5 stelle che sta perdendo tutte le sue battaglie e ora perde anche la battaglia contro Formigoni. Se ne facciano una ragione". A parlare all'Adnkronos è l'ex senatore Roberto Formigoni che dopo l'uscita del suo libro 'Una storia popolare', si sofferma sul polverone scatenato dalla diffusione della notizia sulla restituzione del vitalizio, decisa dalla commissione contenziosa del Senato e fa il punto sul momento che sta vivendo il Movimento 5 stelle. 

 

Rousseau scarica il M5S, e i pentastellati replicano con un post sull'account ufficiale Facebook all'addio dell'Associazione guidata da Davide Casaleggio. "La democrazia diretta, la partecipazione, il coinvolgimento degli iscritti nelle decisioni non dipendono dal singolo strumento utilizzato ma dalla volontà del Movimento 5 Stelle di affidarsi alla democrazia diretta avvalendosi prioritariamente di strumenti digitali. Questa volontà rimane invariata, il nostro cuore pulsante è la democrazia diretta, qualunque sia lo strumento utilizzato. Le scelte dell’associazione Rousseau dell’ultimo anno evidenziano la volontà di quest’ultima di svolgere una parte attiva e diretta nell’attività politica. Questa volontà è incompatibile con una gestione 'neutrale' degli strumenti che devono servire ad attuare la democrazia diretta nel Movimento", si legge. 

 

"Esco dall’ospedale Rizzoli di Bologna trasformata rispetto alla donna che vi è entrata due settimane fa". Inizia così il post pubblicato su Facebook da Laura Boldrini, che pubblica anche una foto insieme a medici e infermieri. L'ex presidente della Camera si è operata lo scorso 15 aprile, pochi giorni dopo aver annunciato via social di essere malata. "Indubbiamente sono stati i giorni più difficili della mia vita, che hanno lasciato segni indelebili nel corpo e nella mente", sottolinea.