Politica - il Centro Tirreno - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Dom, Lug

Politica

Le notizie dal mondo politico: aggiornamenti, sondaggi, analisi e approfondimenti

Si riapre la battaglia in Senato sui vitalizi. E alla fine il dossier rischia di tornare all'ufficio di presidenza, per provare in quella sede a trovare la via per sciogliere il rebus - tra carte bollate e scontro politico - del ricorso di oltre 700 ex senatori.

"Noi siamo sotto attacco da parte degli influencer, come Chiara Ferragni, che dice: 'Cari politici fate schifo', con un messaggio imbarazzante per superficialità e qualunquismo". Matteo Renzi, leader di Italia Viva, si esprime così nel dibattito sul Ddl Zan. Negli ultimi giorni, Renzi è protagonista di botta e risposta incrociati con Chiara Ferragni e suo marito Fedez, che oggi ha dedicato una serie di stories su Instagram all'ex premier. 

Tira dritto il premier Mario Draghi anche sulla vicenda Rai. Rispetterà, infatti, la data del 12 luglio, data in cui è convocata l'assemblea dei soci Rai (Mef e Siae) dove il governo dovrà designare i suoi due nomi, vale a dire ad e di conseguenza il presidente (a formularli, tecnicamente, il ministro dell'Economia).

Proverà a ricucire lo strappo? "Sì, no, non lo so, forse, può darsi, sì! Sceglietevi una risposta". Lo ha detto Beppe Grillo, rispondendo a una domanda sulle tensioni con Giuseppe Conte e sullo scontro interno al M5S, a Stasera Italia news su Retequattro. 

Botta e risposta tra Matteo Renzi e i Ferragnez sul ddl Zan. "La politica - ha scritto su Twitter stamattina il leader di Italia Viva - è una cosa seria e faticosa. Dire come la Ferragni che i politici fanno schifo è qualunquismo. Pronto a confrontarmi anche con chi mi insulta.

Non più Il Gladiatore, ma Il Mediatore. Non più Russell Crowe, ma Luigi Di Maio. Questo il meme comparso da qualche ora su Facebook, nei gruppi creati a sostegno del ministro degli Esteri ed ex leader politico del Movimento 5 Stelle. La locandina è quella del colossal di Ridley Scott, ma in primo piano appare il titolare della Farnesina, impegnato in questi giorni nel difficile ruolo che sta svolgendo per cercare di stemperare le tensioni tra l'ex premier Giuseppe Conte e Beppe Grillo e riportarli al dialogo. 

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha sentito questa sera al telefono il pediatra Luca Bernardo, sempre più vicino a diventare il candidato del centrodestra a Milano. A quanto si apprende, Berlusconi avrebbe dato il via libera a un ticket tra lo stesso Bernardo e l'ex sindaco Gabriele Albertini.  

Sul ddl Zan "il Pd non chiederà il voto segreto su nessun emendamento". Così Enrico Letta, a In onda su La7, che attacca Matteo Renzi e Matteo Salvini parlando del leader Iv che si "sfila e copre col voto segreto" e della Lega che fa "giochini". 

La Lega torna primo partito davanti a Fratelli d'Italia, il Movimento 5 Stelle crolla dopo lo scontro tra Beppe Grillo e Giuseppe Conte. Il sondaggio Swg per il Tg La7 colloca la Lega al top: il partito di Matteo Salvini guadagna lo 0,3% e sale al 20,6% scavalcando Fdi: la formazione di Giorgia Meloni cede lo 0,2% e ora vale il 20,5%.

"Sono estremamente fiera di annunciare che il direttore Vittorio Feltri ha deciso di iscriversi a Fratelli d’Italia e che lo abbiamo convinto a guidare la lista di Fdi alle prossime elezioni amministrative" a Milano. Lo ha annunciato la leader di Fdi, Giorgia Meloni, nel corso della presentazione del suo libro a Milano.