Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Ven, Apr
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-004
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Slovenia e Croazia protestano con l'Italia per le Foibe. Pahor scrive al Colle

Slovenia e Croazia protestano con l'Italia per le Foibe. Pahor scrive al Colle

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Dopo le parole di Salvini e Tajani

Slovenia e Croazia protestano con l'Italia per le Foibe. Pahor scrive al Colle
Slovenia e Croazia protestano con l'Italia per le Foibe. Pahor scrive al Colle

 

Slovenia e Croazia protestano con l'Italia per le parole di Salvini e Tajani sulle Foibe. Il presidente sloveno Pahor ha scritto al presidente Mattarella definendo 'inaccettabili' le dichiarazioni di 'alti rappresentanti della Repubblica Italiana' che considerano gli eventi legati alle foibe come 'una forma di pulizia etnica'.

Un riferimento alle parole di Salvini, secondo cui 'i bimbi morti nelle foibe e i bimbi di Auschwitz sono uguali'. 'Ferma condanna' per le dichiarazioni di Tajani che 'contengono elementi di rivendicazioni territoriali e di revisionismo storico', arrivano dal premier croato Plenkovic.

Tajani ieri alla foiba di Basovizza, in occasione della Giornata del Ricordo, ha concluso il suo discorso esclamando "Viva Trieste, viva l'Istria italiana, viva la Dalmazia italiana, viva gli esuli italiani, viva gli eredi degli esuli italiani", "evviva coloro che difendono i valori della nostra Patria". Proteste e sdegno anche da quasi tutti gli eurodeputati croati che hanno condannato le dichiarazioni.

Il presidente è tornato sulla questione oggi in plenaria. "Nel corso del mio intervento di ieri - ha puntualizzato - ho voluto sottolineare il percorso di pace e di riconciliazione tra i popoli italiani, croati e sloveni e il loro contributo al progetto europeo. Il mio riferimento all'Istria e alla Dalmazia italiana non era in alcun modo una rivendicazione territoriale. Mi riferivo agli esuli istriani e dalmati di lingua italiana, ai loro figli e nipoti, molti dei quali presenti alla cerimonia".

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook

il Centro Tirreno - Quotidiano online
Meteo