Concerto di Natale in Senato, standing ovation per Mattarella
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Gio, Feb

Concerto di Natale in Senato, standing ovation per Mattarella

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Si apre con l'Inno di Mameli la 26esima edizione del concerto natalizio al Senato alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e della premier Giorgia Meloni, seduta in platea accanto al nunzio apostolico in Italia, Emil Paul Tscherrig. Standing ovation per Mattarella, accompagnato dal Presidente del Senato

Concerto di Natale in Senato - Senato della Repubblica
Concerto di Natale in Senato - Senato della Repubblica

 

Ignazio La Russa al suo ingresso nell'Aula. Un gruppo di persone ha atteso il Capo dello Stato fuori da Palazzo Madama, tributandogli un applauso al suo arrivo. Ad assistere al concerto, tra le altre autorità, anche il ministro della Difesa Guido Crosetto e il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano. 

"Voglio ricordare coloro che vivono questi giorni in guerra, le tante vittime innocenti della guerra che ancora insanguina una parte dell'Europa e il Medio Oriente, con la speranza di una pace giusta che dovrà arrivare il più presto possibile", ha detto Ignazio La Russa nel suo saluto prima del tradizionale concerto. La seconda carica dello Stato, dopo aver ringraziato le autorità presenti, ha rivolto un "doveroso pensiero" a chi soffre e a coloro che "anche a Natale saranno in ospedale", rendendo omaggio anche ai ragazzi e alle ragazze in divisa che lavorano nei giorni di festa. 

"Per noi, la nostra lingua rappresenta un fattore importante di unità e coesione nazionale, fa parte della nostra identità, dell'identità italiana", ha detto ancora la seconda carica dello Stato, che ha ricordato la figura di Alessandro Manzoni, a cui è dedicato il concerto a 150 anni dalla scomparsa: "Uno dei padri della lingua italiana", ha detto La Russa. 

Palazzo Madama in piedi per il tenore Vittorio Grigolo al termine dell'esecuzione del 'Nessun dorma', romanza tratta dall'opera lirica Turandot di Giacomo Puccini. Occhi lucidi per la premier Giorgia Meloni, che ha esclamato un "bravissimo" all'indirizzo del tenore. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.