Elezioni, Meritocrazia Italia: "Preoccupa astensionismo, è sconfitta per la democrazia"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Sab, Giu

Elezioni, Meritocrazia Italia: "Preoccupa astensionismo, è sconfitta per la democrazia"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Dopo il successo di ‘Direzione Europa’, un altro record di ascolti per la diretta streaming di Meritocrazia Italia a margine dei risultati elettorali.A fare il punto sugli esiti delle votazioni il presidente nazionale Walter Mauriello, intervistato da Andrea Fragasso, direttore di Terzo Millennio Tv. Mauriello ha

rivolto prioritaria attenzione al dato preoccupante dell’elevato astensionismo, più attenuato soltanto nelle sedi di elezioni amministrative, che ha definito una vera e propria 'sconfitta per la democrazia'. È indice della disaffezione dei cittadini per la politica e della perdita di fiducia nei confronti delle Istituzioni. "Il voto è un dovere e un diritto - ha spiegato - ma oggi lo si vive come un diritto svuotato di contenuto, perché manca una vera libertà di scelta".  

Guardando al futuro, decisa la posizione sul cambio di passo necessario per restituire all’Europa la sua originaria funzione: "questa Europa ha mancato tantissime sfide, perché, nelle decisioni, ha sempre pensato alle maggioranze. La democrazia vera però non può ignorare le minoranze e chi è in posizione di debolezza. In questi anni tanti Paesi sono stati lasciati soli nella gestione delle varie crisi. Finora si è scelto un perbenismo formalista e non si è pensato alla concretezza dei problemi. Si pensi alla questione annosa dell’accoglienza dei migranti, un’emergenza costante". In Europa poi, come a livello nazionale, è necessario abbandonare posizione ideologicamente troppo rigide, come il giustizialismo, che è d’ostacolo al fare, ed è importante saper puntare sulle persone giuste, quelle più intenzionate a dare opera alle promesse. 

Mauriello ha poi anticipato anche le attese rispetto al sesto Congresso nazionale di Meritocrazia Italia, che si terrà a Roma a ottobre. "Oltre alla consueta interlocuzione con i leader nazionali, sarà riservata specifica attenzione anche alle politiche europee. Per certo, però, a prendere il palco - ha annunciato il presidente - non saranno solo rappresentanti di partito; come ogni anno l’obiettivo sarà generare il confronto tra competenze e sensibilità diverse e parteciperanno anche cittadini comuni, docenti universitari, sociologi, esponenti delle Istituzioni. 

Finora il successo delle iniziative del Movimento è sempre stato determinato dal fare costruttivo con il quale ciascuno ha voluto contribuire alla realizzazione di un pensiero nuovo. "Tra i tanti temi che saranno affrontati - ha detto Mauriello - vi sarà certamente l’impatto delle nuove tecnologie sul modo di relazionarsi e di vivere anche la politica. Oggi pensiamo di essere tutti esperti in ogni cosa, perché ci accontentiamo delle informazioni facilmente fornite dalla Rete. E soprattutto ci sentiamo appiattiti su un pensiero comune, in una pericolosa omologazione. Questo è un pericolo, che è già una realtà, va scongiurato".  

Il presidente ha concluso invocando una nuova politica della Cultura, a livello europeo e nazionale. Ha invocato un ritorno alla competenza e a programmi realmente mirati a garantire una società equa, inclusiva e accorta alla tutela dell’ambiente. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.