Conte blinda asse con Sanchez, pressing per recovery fund subito
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Dom, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Conte blinda asse con Sanchez, pressing per recovery fund subito

Conte blinda asse con Sanchez, pressing per recovery fund subito

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Prima Lisbona, poi Madrid. Parte dal Sud la 'fase 3' della mission internazionale di Giuseppe Conte per svegliare l'Europa, ricordando che bisogna far presto, prestissimo, per risollevare le sorti di un sistema messo a dura prova, sfiancato dall'emergenza Covid-19.  

 

Conte blinda asse con Sanchez, pressing per recovery fund subito
Conte blinda asse con Sanchez, pressing per recovery fund subito

 

In conferenza stampa congiunta con il presidente spagnolo Pedro Sanchez - mentre in Italia scoppia la grana Autostrade - Conte ha ribadito: "Non possiamo permetterci di rinviare, la tempestività è un fattore chiave", perciò "l'impegno per un accordo sul recovery fund" va chiuso "entro luglio", ne va del "futuro del mercato unico". 

Il presidente del Consiglio italiano nega che ci sia un fronte del Sud unito contro i cosiddetti Paesi frugali. Ma la compattezza e la sintonia con Sanchez oggi e con il portoghese Antònio Costa ieri sembra raccontare una storia diversa.  

Intanto, parlando nella plenaria del Parlamento Europeo, la cancelliera tedesca Angela Merkel si è rivolta ai "milioni di persone che hanno perso il loro posto di lavoro", preoccupate "per la salute propria e dei loro cari. Molti cittadini temono anche per il proprio tenore di vita. Hanno bisogno del nostro sostegno comune e condiviso". Parole che rinfrancano chi - Conte e Sanchez in testa - spera che l'intesa tagli il traguardo il prima possibile. 

Con questo obiettivo, il premier il 10 luglio sarà a L'Aja, il 13 a Berlino dalla Cancelliera, e il 16 a Parigi, per vedere Emmanuel Macron, proprio alla vigilia del Consiglio europeo straordinario di Bruxelles. Una vera e propria offensiva per chiudere il Next Generation Eu in tempi brevi e condizioni vantaggiose.  

Intanto, con Sanchez, prende tempo sul ricorso a Mes, che in Italia continua a far discutere e a far tremare la maggioranza. Sul fondo Salva Stati la "mia posizione non cambia, non credo che sia corretto dire ora lo prendiamo o no. Lo dicevamo anche con Sanchez, c'è un ventaglio di strumenti non ancora attivo, ci sono ancora passaggi procedurali" affinché vengano "resi disponibili. Ora sarebbe ideologico dire 'lo prendo, non lo prendo'". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook