Governo Draghi, si allunga lista richieste Grillo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Governo Draghi, si allunga lista richieste Grillo

Governo Draghi, si allunga lista richieste Grillo

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La lista della spesa si allunga. Sarà che "le fragole sono mature". Beppe Grillo, poco prima di incontrare il premier Mario Draghi con la delegazione M5S per le consultazioni, ha postato sul suo blog una lista dei punti che il futuro esecutivo dovrà realizzare. Ma successivamente, qualche ora più tardi, quella lista che sintetizza le richieste del Movimento si è allungata di sei capitoli, passando da 5 punti a 10.

Governo Draghi, si allunga lista richieste Grillo
Governo Draghi, si allunga lista richieste Grillo

 

"Inizialmente il post era più lungo -spiegano all'Adnkronos dall'entourage del garante M5S - poi lo abbiamo accorciato, poi riallungato di nuovo. Solo la fretta....". 

Ora spunta nell'elenco di Grillo un ministero dei giovani, dedicato alle nuove generazioni. "Creare un ministero per i Giovani - recita infatti il blog - per coordinare tutte le attività a loro favore. L’Italia ha in Europa i massimi livelli di disoccupazione, emigrazione e povertà giovanili". 

Il fondatore del Movimento propone poi un gemellaggio "con l’iniziativa della Francia che si chiama One Planet Summit e che riunisce ogni anno a Parigi i maggiori attori pubblici e privati della finanza mondiale che si impegnano per finanziare la transizione ecologica. Proporre di fare il prossimo One Planet Summit a Roma, e i successivi in altre capitali europee, coinvolgendo così l’intera Europa". 

Il garante del M5S chiede anche di scrivere nella Costituzione “lo sviluppo sostenibile”, suggerendo la formula da adottare "nell’articolo 2 e 9 della Costituzione", esplicitando "i principi di responsabilità generazionale e ambientale”. 

Chiede, inoltre, una 'garanzia giovani'. "Se dopo 4 mesi dal compimento dei 18 anni un giovane non ha né lavoro né studio (NEET) offrirgli: a) corsi di formazione; b) praticantati; c) denaro o buoni d’acquisto; d) finanziamento per start-up. Più favorevole se startup eco-sociale". 

Infine l'istituzione di un 'Fondo pensioni complementari per la transizione ecologica' "vincolato a: comprabile solo da abitanti italiani; investe solo in aziende e fondi sostenibili. Versando in questo fondo gli anziani potrebbero fare qualcosa di collettivo a favore delle generazioni dei loro figli e nipoti". Si tratterebbe di un "Fondo garantito da Cassa depositi e prestiti". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.