Calenda: "Da Renzi crisi sgangherata, spero Draghi fino a 2023" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Calenda: "Da Renzi crisi sgangherata, spero Draghi fino a 2023"

Calenda: "Da Renzi crisi sgangherata, spero Draghi fino a 2023"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Renzi ha aperto la crisi in modo sgangherato, poi Mattarella ha chiamato i giri e per me la questione è finita lì.

Calenda:
Calenda: "Da Renzi crisi sgangherata, spero Draghi fino a 2023"

 

Possiamo discutere in eterno di Renzi e Conte ma in questa fase serve il foglio bianco". Lo dice Carlo Calenda, leader di Azione, a Sky Tg24. Una fase che, secondo Calenda, deve durare. "Quanto deve durare il governo Draghi? Io spero fino a fine legislatura". "Tecnico o politico? Deve decidere Draghi quale struttura di governo garantisce il miglior funzionamento per entrare subito in partita perché non siamo in un momento normale, non abbiamo sei mesi per far funzionare le cose, bisogna partire subito", afferma il leader di Azione. 

Secondo Calenda, "questa è stata la legislatura più pazza del mondo, ho sempre sostenuto che eravamo davanti ad un processo di crisi della Repubblica. Mattarella l'ha fermato chiamando Draghi". Quanto accaduto "sancisce il fallimento di un ceto politico" ma può anche essere "anche l'occasione di un'evoluzione della politica". Certo, "potrebbe essere solo una breve sospensione con Lega, Pd e m5S che dicono 'non ci meniamo per un annetto. Oppure qualcosa di più profondo". "Ci sono due lavori da fare insieme: stare insieme al governo e spiegare ai cittadini che è finita una fase, che la politica è fatta anche di confronti duri ma sulle cose da fare".