Conte: "Io candidato sindaco di Roma? No grazie" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Conte: "Io candidato sindaco di Roma? No grazie"

Conte: "Io candidato sindaco di Roma? No grazie"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Giuseppe Conte candidato sindaco di Roma? "No, grazie". Così il premier uscente, intercettato per le strade del centro di Roma, ai giornalisti del Tg3 che gli domandano se intenda candidarsi a sindaco della Capitale. 

alternate text

 

Intervenendo ieri all’assemblea congiunta M5S, Conte aveva detto a deputati e senatori grillini che non entrerà a far parte dell’esecutivo Draghi. A rivelarlo all’Adnkronos, diversi parlamentari che hanno assistito al suo intervento. “Voltare le spalle al presidente incaricato, sarebbe come voltare le spalle al Paese" avrebbe aggiunto, poi. "Non è il momento dell’autolesionismo e dell’autoesclusione”. “Dobbiamo incidere come Movimento nell’azione del prossimo governo - ha proseguito Conte - perché abbiamo portato una spinta innovativa e di onestà. Vogliamo una transizione energetica vera. Come l’abbiamo impostata, non farne una finta”. Il governo Draghi dovrà avere un “perimetro politico ben delineato, non indefinito”, perché “un perimetro troppo ampio sarebbe inconcludente e difficile da gestire”.