Governo, a incontro Berlusconi-Salvini anche la compagna del Cav - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Governo, a incontro Berlusconi-Salvini anche la compagna del Cav

Governo, a incontro Berlusconi-Salvini anche la compagna del Cav

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nella ex Villa Zeffirelli, nuovo quartier generale di Silvio Berlusconi a Roma, c'è anche la deputata azzurra Marta Fascina, la compagna del Cav. Fascina fa il suo 'debutto' in un video che circola sui social, girato in occasione dell'incontro di oggi tra il leader di Forza Italia e Matteo Salvini per fare il punto della situazione politica mentre il premier incaricato Mario Draghi è alle prese con la formazione del suo nuovo governo.  

alternate text

 

Quando Berlusconi accompagna il 'Capitano' fuori dalla dimora sull'Appia antica (ribattezzata 'Villa Grande') al termine del colloquio nelle immagine compare Fascina, sorridente in completo blu e capelli biondi lunghi sciolti sulle spalle, in compagnia di due barboncini bianchi (forse uno è Dudù), la coppia di cuccioli amata dall'ex fidanzata del Cav Francesca Pascale che il presidente di Fi ha voluto tenere con sé. Dopo qualche 'paparazzata' per Fascina (parlamentare calabrese di Melito di Porto Salvo, cresciuta a Portici in Campania, classe 1990, eletta nel 2018 nella circoscrizione Campania 1) si tratta del debutto ufficiale, al fianco del leader di Fi.  

Nel video ci sono anche Antonio Tajani, numero due del partito forzista e la senatrice Licia Ronzulli, intenta a scattare foto opportunity e fare riprese video con il telefonino. Berlusconi e Salvini, sempre con mascherina al volto, si lasciano con una stretta di mano mentre i barboncini scodinzolano tra le gambe del numero uno di via Bellerio.