Governo Draghi, Salvini: "Lega ha spiazzato tutti" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Governo Draghi, Salvini: "Lega ha spiazzato tutti"

Governo Draghi, Salvini: "Lega ha spiazzato tutti"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"I sentiment che arrivano dai territori sono buoni, ora concentrati e lavorare".

alternate text

 

Matteo Salvini, dopo aver visto in mattinata Silvio Berlusconi, con cui rinsalda l'alleanza, nell'incontro di Villa Zeffirelli, puntando a una azione comune di governo in vista del prossimo esecutivo Draghi, passa il resto della giornata a spiegare ai suoi la linea. Nessun problema con Berlusconi, tanto più che ora siamo sulla stessa barca, è il senso di quanto riporterà ai suoi parlamentari.  

Per il leader della Lega "la risposta della gente alla nostra proposta è stata anche migliore di quella che speravo". "La situazione non è ancora definita - ha avvertito Salvini - . Perché la mossa della Lega ha spiazzato tutti". "Facciamo attenzione - avrebbe detto ai suoi parlamentari - perché provocano, con l'obiettivo di far saltare tutto". 

Per Giorgetti bisogna partire dall'appello di Mattarella "che è ben chiaro, il presidente ha invitato tutti a partecipare". Per il vicesegretario quindi "il perimetro della maggioranza lo ha già dato il capo dello Stato, noi siamo dentro, gli altri si prendessero la responsabilità di rompere, se ne hanno il coraggio".  

Ai senatori, che riunisce via zoom, Salvini assicura che "la gente, i nostri, hanno capito la scelta di andare al governo". Poi ribadisce che Draghi gli ha fatto "davvero una buona impressione". "Noi - avrebbe sottolineato - siamo pronti, anche se potrebbe passare altro tempo, il premier incaricato potrebbe aver bisogno di fare un altro giro di consultazioni". 

L'invito, che poi estenderà anche ai deputati, incontrati in presenza nell'Aula Salvadori di Montecitorio, è più volte quello di "mantenere un profilo basso, non rispondere alle provocazioni". 

Tra chi interviene - una decina sui 63 senatori leghisti di Palazzo Madama - si conferma la fiducia nel leader, condividendo "la linea intrapresa". Nel frattempo arriva la notizia che i Cinque Stelle si affideranno a Rousseau, come gli dice qualcuno collegato via zoom, e il capo scuote la testa: "Vediamo che succede".