Governo Draghi, Gelmini torna ministra alle Regioni: chi è - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Governo Draghi, Gelmini torna ministra alle Regioni: chi è

Governo Draghi, Gelmini torna ministra alle Regioni: chi è

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Avvocato specializzato in diritto amministrativo e urbanistico, 47 anni, look sobrio, toni pacati: Mariastella Gelmini torna al governo con Draghi dopo l'esperienza alla guida del ministero dell'Istruzione nel quarto governo Berlusconi, quello del 2008. Sostenitrice di Forza Italia sin dalla prima ora, quando nel 1994, ventunenne studentessa di legge, diventa presidente di uno dei primi club di Forza Italia. 

Nel 1998 è la prima degli eletti alle Amministrative ricoprendo, fino al 2002, la carica di presidente del Consiglio comunale di Desenzano. Dal 2002 è assessore al Territorio della Provincia di Brescia dove realizza il Piano territoriale di coordinamento provinciale. Dal 2004 è assessore all'Agricoltura. Prima degli eletti alla Regione Lombardia nella circoscrizione di Brescia per Forza italia (17.453 preferenze), entra nel Consiglio regionale della Lombardia nell'aprile del 2005. Nel 2006 viene eletta alla Camera. Nello stesso anno Berlusconi la nomina coordinatrice regionale lombarda di Forza Italia. 

Poi nel 2008 la consacrazione sulla ribalta nazionale con la nomina a ministro dell'Istruzione e dell'Università. Dal dicastero di viale Trastevere vara la riforma che prevede la reintroduzione dei voti e del maestro unico alle elementari e il riordino di licei, istituti tecnici e professionali. Dopo l'esperienza in quell'esecutivo, Gelmini torna a svolgere ruoli politici di primo piano durante questa legislatura, con la nomina a capogruppo di Forza Italia alla Camera. Saggi e narrativa tra le letture preferite, nella musica le preferenze vanno a Mina e Vasco Rossi.