Governo, le citazioni di Draghi: Cavour e Papa Francesco - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Governo, le citazioni di Draghi: Cavour e Papa Francesco

Governo, le citazioni di Draghi: Cavour e Papa Francesco

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La prima citazione di Mario Draghi, oggi in Senato per il discorso prima del voto di fiducia al governo, è per Cavour e le riforme. "Le riforme compiute a tempo, invece d'indebolire l'autorità, la rafforzano", sono le parole richiamate dal premier , in un passaggio, all'inizio, del suo intervento in Aula.

Il riferimento è alla frase di Camillo Benso Conte di Cavour che disse, da deputato del Regno, in Aula il 6 marzo del 1850 tra gli applausi della sinistra: "Vedete, o signori, come le riforme compiute a tempo, invece d'indebolire l'autorità, la rafforzano, invece di crescere la forza dello spirito rivoluzionario, lo riducono all'impotenza", citando, poco dopo, le riforme fatte in Gran Bretagna, negli anni precedenti, a partire dalle leggi sull'emancipazione e sulla legge elettorale. 

Poi Draghi, sul tema della tassazione, richiama i nomi del repubblicano Bruno Visentini e dell'economista Cesare Cosciani. "In Italia all’inizio degli anni Settanta del secolo scorso il governo affidò ad una commissione di esperti, fra i quali Bruno Visentini e Cesare Cosciani, il compito di ridisegnare il nostro sistema tributario, che non era stato più modificato dai tempi della riforma Vanoni del 1951", ha detto parlando della necessità di un intervento fiscale. 

Nelle dichiarazioni programmatiche al Senato c'è spazio anche per una citazione di Papa Francesco sui temi ambientali: "Il riscaldamento del pianeta - ha detto infatti Draghi - ha effetti diretti sulle nostre vite e sulla nostra salute, dall’inquinamento, alla fragilità idrogeologica, all’innalzamento del livello dei mari che potrebbe rendere ampie zone di alcune città litoranee non più abitabili. Lo spazio che alcune megalopoli hanno sottratto alla natura potrebbe essere stata una delle cause della trasmissione del virus dagli animali all'uomo. Come ha detto papa Francesco 'Le tragedie naturali sono la risposta della terra al nostro maltrattamento. E io penso che se chiedessi al Signore che cosa pensa, non credo mi direbbe che è una cosa buona: siamo stati noi a rovinare l'opera del Signore'", ha affermato il presidente del Consiglio.