Riaperture maggio, la posizione del Pd - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Riaperture maggio, la posizione del Pd

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Sulle possibili riaperture, oggetto in queste ore del confronto tra governo e regioni, il Pd sembra sposare la linea della prudenza. Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, nel corso di 'Studio24' su Rainews 24 ha affermato che è necessario "arrivare con tempi certi a un progressivo allentamento in linea con il miglioramento dei dati. Il rischio di arrivarci e poi non gestire con progressività le aperture può generare un effetto boomerang che va in tutti i modi evitato, perché non si farebbe né il bene delle persone dal punto di vista sanitario, né dell'economia". 

Sulle riaperture, ha continuato Orlando, "c'è stata una discussione che è partita da punti di vista differenti, ma che poi è arrivata sempre a un equilibrio condiviso" ma continuare a far vivere i punti differenti "anche nel dibattito pubblico rischia di creare disorientamento. Quando si arriva a un punto di equilibrio, questo va difeso e deve essere quello con cui si dà un messaggio chiaro alle imprese, al mondo della sanità e ai cittadini".  

"Un conto è definire percorsi che diano certezza agli operatori, un conto è sparare date a caso e annunciare che ci saranno delle aperture senza averle preparate. Il nostro compito è quello di prepararle, non di annunciarle", ha rimarcato Orlando. Per quanto riguarda gli aiuti, ha poi precisato, la discussione in seno al governo ieri "si è incentrata tutta su come mirare meglio l'intervento" a sostengo delle imprese "e quindi renderlo più selettivo, tenendo conto anche della differenza dell'andamento delle imprese".  

"Il ministro Franco - ha spiegato - ha però fatto notare come tutti gli interventi di carattere selettivo implichino procedure che possano rallentare l'erogazione. Siccome dobbiamo fare bene ma anche presto, perché i soldi rischiano di arrivare quando le imprese hanno chiuso, dobbiamo trovare un punto di equilibrio tra queste esigenze: far corrispondere il contributo a una situazione di effettiva difficoltà al creare percorsi di verifica che siano abbastanza veloci da rendere tempestivo l'intervento stesso".