Superlega, Draghi: "Governo sostiene Figc e Uefa" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Superlega, Draghi: "Governo sostiene Figc e Uefa"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Il Governo segue con attenzione il dibattito intorno al progetto della Superlega calcio e sostiene con determinazione le posizioni delle autorità calcistiche italiane ed europee per preservare le competizioni nazionali, i valori meritocratici e la funzione sociale dello sport". Così il presidente del Consiglio Mario Draghi, in merito al progetto della Superlega. 

Nella notte, 12 club hanno annunciato la creazione di una nuova competizione europea. Tra i fondatori della Superlega, anche Juventus, Inter e Milan che si aggiungono a 6 squadre inglesi (Manchester United, Manchester City, Arsenal, Chelsea, Tottenham, Liverpool) e a 3 squadre spagnole (Barcellona, Real Madrid, Atletico Madrid). 

Le parole di Draghi puntellano la posizione espressa dal presidente della Figc, Gabriele Gravina. "Ribadisco il nostro no alla Superlega. L'unica riforma percorribile è quella nata dalla proposta Uefa sulla Champions League, ogni tentativo di fuga in avanti è irricevibile e dannoso per il calcio europeo -dice Gravina- l’adesione a questo progetto pone gli stessi Club fuori dal contesto riconosciuto dalla Fifa”. 

Il numero uno della Figc ribadisce anche l’importanza dei campionati nazionali: “Il patrimonio sportivo e culturale delle singole competizioni rappresenta un valore aggiunto per qualsiasi torneo internazionale, vogliamo difendere il merito sportivo e la possibilità di per ogni squadra di inseguire un grande sogno, insieme ai propri sostenitori. Il calcio è dei tifosi, va modernizzato, ma non snaturato. Il calcio è partecipazione e condivisione, non è un Club elitario”, ha concluso Gravina.