Omofobia, Salvini: "Punizioni per discriminazioni e violenze no per idee" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Omofobia, Salvini: "Punizioni per discriminazioni e violenze no per idee"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nella Giornata Internazionale contro omofobia, bisobia, transfobia, Matteo Salvini interviene su Facebook per chiedere "una legge che introduca subito pene più severe per chi discrimina, insulta o aggredisce in base a sesso, etnia o religione, come quella già presentata da Lega e centrodestra".

alternate text

 

Senza nominare direttamente il Ddl Zan, il leader della Lega dice invece "no a una legge che introduce bavaglio e carcere per le idee (punire chi non condivide le adozioni gay o l’utero in affitto è una follia) e vuole portare nelle scuole di bimbi di 5 o 6 anni la teoria gender". "Liberi di amare e di pensare!", scrive sul social.