Letta: "Dote ai 18enni dalla tassa di successione ricchi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Letta: "Dote ai 18enni dalla tassa di successione ricchi"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Una dote ai 18enni finanziata con la tassa di successione dell'1% più ricco del Paese. Questa la proposta lanciata da Enrico Letta, leader del Pd, in un'intervista di Massimo Gramellini per il Corriere della Sera. "Su @7Corriere- scrive Letta su Twitter - lancio proposta di dote per i diciottenni. Per la generazione più in crisi un aiuto concreto per studi, lavoro, casa. Per essere seri va finanziata non a debito (lo ripagherebbero loro) ma chiedendo all’1% più ricco del paese di pagarla con la tassa di successione".  

alternate text

 

"Lei su che cosa cederebbe a Salvini, e in cambio di che cosa?", la domanda di Gramellini a Letta: "Per la dote ai diciottenni - la replica - sarei disposto a venire a patti anche sulla legge elettorale. Il mio sogno è trattenere i ragazzi italiani in Italia, senza però farli restare in casa con mamma e papà fino a trent’anni. Il problema principale del nostro Paese è che non fa più figli. Ci vuole una dote per i giovani, finanziata con una parte dei proventi della tassa di successione, e un accesso ai mutui-abitazione anche per chi non ha genitori in grado di fornire garanzie".