G20, Orlando: "Sblocco licenziamenti? ottimista su integrazione strumenti disponibili con altri" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Lun, Set

G20, Orlando: "Sblocco licenziamenti? ottimista su integrazione strumenti disponibili con altri"

Video News
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"E' nota la mia proposta, è noto quale sia lo stato dell'arte, è noto il fatto che in Parlamento al momento non si sia trovata un'intesa che affronti quello specifico punto. Sono però ottimista rispetto al fatto che si possano integrare gli strumenti attualmente disponibili con altri strumenti che aiutino ad affrontare le situazioni di difficoltà e vadano nella direzione di tener conto, come detto in queste settimane, della diversa entità dell'impatto della crisi sui diversi settori e sullo stato di difficoltà che spesso si era determinato anche rispetto al covid in maniera pregressa". Lo ha detto il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, rispondendo ad una domanda dell’AdnKronos sull'imminente sblocco dei licenziamenti e su una eventuale soluzione 'politica' di proroga allo stop, nel corso della conferenza stampa di chiusura del G20 sul lavoro ospitato al Monastero dei Benedettini di Catania. 

“Ci sono tutte le condizioni - ha aggiunto- per rafforzare gli strumenti e per gestire i passaggi che abbiamo di fronte". Quanto al ‘pressing’ dei sindacati per ottenere una proroga almeno fino alla fine di ottobre che sarà ribadita il 26 giugno prossimo in una serie di manifestazioni unitarie da Cgil, Cisl e Uil, Orlando ha osservato che “sul livello di soddisfazione dei sindacati non faccio previsioni perché è proprio del dialogo sociale cercare di ricucire le distanze e di promuovere il confronto". (di Alessandra Testorio e Francesco Bianco)