Ianaro (M5S): "Italia ai primi posti per produzione farmaci, spingere più ricerca" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Ianaro (M5S): "Italia ai primi posti per produzione farmaci, spingere più ricerca"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Le aziende farmaceutiche sono delle risorse importanti per il nostro Paese. L’Italia è tra i primi posti in Europa per la produzione di farmaci ma dobbiamo spingere di più su ricerca e innovazione”. Lo ha detto Angela Ianaro, componente della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati e presidente

dell’Intergruppo “Scienza e Salute” intervenendo al webinar “Salute Digitale. L’innovazione nella cura delle malattie croniche autoimmuni reumatologiche e dermatologiche”, promosso da Ucb Italia. Durante l’incontro è emerso che il futuro che ci attende prevede la digitalizzazione della sanità, quale atto necessario per migliorare la vita delle persone, dove il problema non è tanto tecnologico ma organizzativo, di condivisione dei processi con gli operatori, di infrastrutture sicure e stabili. Ma è necessaria l’interazione tra pubblico e privato. 

“Sicuramente il dialogo tra tutti gli attori del sistema salute, quindi tra associazioni dei pazienti, società scientifiche, Istituzioni e mondo produttivo è fondamentale – ha aggiunto Ianaro –. Con il Covid abbiamo imparato quanto sia stata importante, in tema di vaccini, una sana interazione tra pubblico e privato, come la ricerca e l’innovazione condotta in piccole aziende e finanziata con soldi pubblici sia poi stata amplificata in termini di produzione e disponibilità grazie agli sforzi delle aziende farmaceutiche”. 

Sul Ssn post-Covid, Ianaro non ha dubbi: “Non possiamo essere convinti che dopo il Covid il Servizio sanitario nazionale moderno non possa prescindere dalla sanità digitale e questo è strettamente ancorato ad una riorganizzazione della sanità territoriale. Questa riorganizzazione deve partire da presupposti tecnologici e tutti gli attori coinvolti hanno un ruolo fondamentale, anche le aziende farmaceutiche per competenze e know-how svolgeranno un ruolo sempre più importante”.