Centrodestra, sondaggio: federazione non piace, quanto vale - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Centrodestra, sondaggio: federazione non piace, quanto vale

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"In politica è sempre così uno più uno non fa mai due, ma uno virgola cinque. Lega e Forza Italia uniti senza Fratelli d'Italia scontenterebbero comunque una parte di elettorato che non gradirebbe questo tipo di decisione andando nel non voto o scegliendo partiti concorrenti". Antonio Noto di Noto Sondaggi parla così

all'Adnkronos dell'impatto che potrebbe avere tra gli elettori di Lega e Forza Italia la federazione tra il Carroccio e gli azzurri chiamata 'Prima l'Italia'.  

Avete qualche stima? "Le nostre ultime stime sul partito unico Lega-Forza Italia arrivano al 25 - 26% massimo. La maggiore contrarietà si registra tra gli elettori di Forza Italia: solo un elettore su due è favorevole all'unione dei due partiti". Percentuali che crescono, spiega Noto, se si guarda al territorio. "Se analizziamo in termini territoriali l'elettorato di Forza Italia, al Sud il 63 - 65% non gradisce la federazione con la Lega che, nonostante l'exploit alle europee, ancora sconta una certa percezione nel Mezzogiorno e infatti l'exploit delle europee non si è ripetuto ad amministrative e regionali".  

"Il Sud sarebbe certamente il territorio più critico per l'alleanza. Poi è chiaro che molto dipenderà anche da come si comunicherà sul partito unico. Può darsi che i demotivati di oggi diventino i motivati di domani". l'operazione