Obbligo vaccinale, Speranza: "E' in campo" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Obbligo vaccinale, Speranza: "E' in campo"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Green pass, obbligo vaccinale, terza dose. A parlarne il ministro della Salute, Roberto Speranza. "Noi non abbiamo escluso il vaccino obbligatorio, all'inizio non si poteva fare perché non avevamo dosi sufficienti. L'opzione dell'obbligo resta in campo e noi continuiamo a valutarla, monitoreremo sulla base non solo del tasso di

vaccinazione ma del quadro epidemiologico del Paese che oggi è piuttosto lineare, siamo in un plateau, ma dobbiamo verificare anche cosa succede con le varianti - ha affermato Speranza intervistato dal direttore de La Stampa Massimo Giannini, al Festival 'Ritorno al futuro. La lezione di Covid e il domani che ci aspetta' - Valuteremo quindi la necessità" dell'obbligo "sulla base dei dati e già in autunno ci faremo un'idea compiuta". Poi ha rimarcato: "Senza il vaccino e con questi stessi casi saremo stati costretti a misure restrittive e molto molto limitative".  

Sull'estensione del Green Pass avete ceduto a Salvini? "Assolutamente no, la nostra valutazione su questa materia è sempre di natura sanitaria, sul piano delle scelte di merito, e anche di grande attenzione sul piano della scrittura delle norme", ha risposto il ministro aggiungendo: "Io penso che questi temi saranno ancora affrontati, ma non vedo nessun elemento di natura politica, c'è solo l'interesse del Paese. Le dinamiche politiche non posso avere spazio, sono troppo piccole rispetto alla posta in gioco. Chiedo a tutti un atteggiamento diverso: non si fa politica sul Covid. E pensare di poter prendere qualche voto su questa materia fa solo male al Paese". 

"Stiamo estendendo il Green pass e lo estenderemo ancora nelle prossime settimane e come ha detto il presidente Draghi l'obbligo è una facoltà che la Costituzione ci offre all'articolo 32. Il vaccino Covid è già obbligatorio per il personale sanitario e con il decreto approvato oggi - ha ricordato quindi il ministro - lo è anche per il personale non sanitario esterno o interno che lavorano nelle Rsa, luoghi molto delicati e una ferita per il Paese per quello che è successo". 

"E' chiaro che chi non si vaccina fa un danno e produce un costo ma io non voglio mettere in discussione l'impianto universalista del Ssn, perché questi sono valori troppo forti", ha affermato ancora il ministro rispondendo alla domanda se chi non si vaccina potrebbe essere escluso dalle cure gratuite del Servizio sanitario nazionale e pagarle a spese sue, come qualcuno ha ipotizzato. "So che può essere non popolare quello che dico ma penso che la cosa più bella del nostro Ssn sia proprio il suo impianto universalista, che cura tutti", ha aggiunto. 

"L'Italia ha numeri del contagio ancora medi perché non sono bassissimi, abbiamo avuto una media nelle ultime settimane che sta intorno ai 6mila casi al giorno. Tra i paesi Ue siamo quello che ha mantenuto nel mese di agosto un livello anche più basso di altri. Ma il tasso di ospedalizzazione che è molto sotto controllo, 560 persone in terapia intensiva e poco più di 4mila ricoverati in ospedale, con gli stessi numeri di casi in altri tempi avremmo avuto una esplosione di ospedalizzazioni", ha affermato poi Speranza aggiungendo che è 'in arrivo circolare del ministero sulle categorie" che riceveranno la terza dose del vaccino. "Aifa proprio oggi ha chiuso il suo lavoro della Cts" e "ha dato il via libera alla terza dose. Partiremo dai più fragili, quelli che dopo due dosi non hanno una risposta sufficiente", ha sottolineato Speranza. "Nelle prossime ore ci sarà una circolare del capo Dipartimento della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, che indicherà esattamente quali sono queste categorie", ha quindi annunciato.