Covid, Letta: "Chi non si vaccina è contro la libertà degli altri" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Ven, Ott

Covid, Letta: "Chi non si vaccina è contro la libertà degli altri"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Chi non si vaccina e non si vuole vaccinare è contro la libertà degli altri e non può essere premiato. Chi è ambiguo e vaccinazioni è contro la salute degli italiani, chi è ambiguo su green pass e vaccinazioni è contro le imprese e i lavoratori". Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta,

chiudendo la Festa dell'Unità di Bologna, sottolineando che "dobbiamo completare la campagna vaccinale, per rendere l'Italia completamente libera". "Senza i 10 mln di italiani che ancora mancano all'appello delle vaccinazioni non ce la faremo. Siamo davanti al passaggio più duro. Oggi è il momento della verità. Il vaccino è libertà", ha aggiunto. 

Letta si è quindi preso un impegno: "La scuola sarà in presenza per tutto l'anno. Mai più in Dad", ha assicurato. 

Infine, parlando delle elezioni ha chiosato: "Stiamo entrando in una fase nuova che sarà caratterizzata da un bipolarismo estremo, rispetto al quale le amministrative e le suppletive, ci porteranno in un nuovo schema politica. O si sta di qua o di là. Questo bipolarismo ha una novità: dall'altra parte non c'è più Berlusconi che era comunque legato al Ppe a una logica ben diversa alla quale sono formalmente legati, Salvini e Meloni, che sono legati non alla destra ma all'estrema destra".