Green pass, nuovo Dpcm: intesa su attività esentate, dove non serve
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Green pass, nuovo Dpcm: intesa su attività esentate, dove non serve

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Super green pass e green pass 'base', c'è intesa sul Dpcm legato all'ultimo decreto che ha introdotto, il 5 gennaio scorso, l'obbligo vaccinale per gli over 50. Il Dpcm in questione deve dettagliare le realtà in cui non sarà richiesto il certificato verde 'rafforzato' - quello che possono esibire i vaccinati o guariti da

Covid - o il semplice green pass per poter accedervi. Ad allungare i tempi per la firma del Dpcm il confronto che ha visto coinvolti i ministeri competenti, ossia Salute, Giustizia, Pubblica amministrazione e Sviluppo economico sugli 'esenti' del green pass base.  

Se i primi tre dicasteri condividevano infatti la proposta di esentare dal green pass base - dunque in tasca non solo a vaccinati o guariti ma anche a chi esibisce l'esito di un tampone negativo - ad attività legate a esigenze alimentari (pizzicagnoli e supermercati) sanitarie (farmacie e parafarmacie) e di giustizia (le caserme dove poter sporgere denuncia se si è vittime di un reato) che abbiano il criterio dell'urgenza e dell'indifferibilità, il Mise era intenzionato ad allargare le maglie, includendo nel pacchetto, ad esempio, edicole e tabaccai, nonché i negozi più in generale, tra questi, ad esempio, fiorai, cartolerie, vivai, fotografi, librerie, esercizi dove si vendono giocattoli o articoli sportivi. Dunque tutte quelle realtà al dettaglio riportate nell'elenco 23 allegato al Dpcm del 2 marzo 2021.  

Alla fine, punto di caduta preludio dell'intesa - a quanto apprende l'Adnkronos da fonti di governo - la decisione di esentare anche le edicole all'aperto, i mercati rionali, i commercianti ambulanti e i benzinai. Tutte quelle realtà commerciali all'aperto, dunque, dove i rischi di contagio sarebbero minori. La firma del Dpcm dovrebbe avvenire tra domani - quando il testo verrà chiuso - e mercoledì. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.