Draghi e la dedica alla moglie: "Senza Serena quante fesserie avrei fatto..."
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Draghi e la dedica alla moglie: "Senza Serena quante fesserie avrei fatto..."

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - I genitori, gli insegnanti, la moglie Serena. A sorpresa il premier Mario Draghi, salutando gli studenti della scuola Alighieri di Sommacampagna, parla del suo 'pantheon', motivando le proprie scelte.

Default text

 

Lo spunto arriva dagli alunni: tra i doni al presidente del Consiglio arriva una rosa rossa per la sua consorte, "perché dietro ogni grande uomo c'è una grande donna", la motivazione. E così Draghi, di solito estremamente riservato sulle questioni private, parla anche della donna che ha sposato nel '73: Serena Cappello, conosciuta a 19 anni sulla riviera del Brenta, nell’estate del ’66, grazie ad amici comune. 

Una donna alla quale "devo gran parte di quel che ho fatto negli ultimi 40-50 anni", dice il premier con un sorriso. "Ogni tanto mi viene in mente la quantità di fesserie che avrei fatto se non ci fosse stata lei - ammette Draghi, strappando un sorriso agli alunni raccolti in palestra per ascoltare l'intervento del premier -. E anche alla capacità di capire il momento psicologico: ne ho attraversati tanti nella mia vita. E poi la famiglia che si è creata, i figli, i nipoti della vostra età. Quindi è tutta una storia bella che si centra su di lei, quindi un applauso per lei" 'chiama' Draghi, subito accontentato dagli studenti e dagli insegnanti che assistono al suo saluto.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.