Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Gio, Giu
0 New Articles

Abbiamo 221 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
home-1
Annunci CT Partner
home-1
Annunci CT Partner
footer-banner
Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Il 3 Giornata dell'udito, nascono duemila bimbi sordi l'anno

Il 3 Giornata dell'udito, nascono duemila bimbi sordi l'anno

Salute
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Screening neonatale, logopedia e protesi, roadmap per i genitori

Il 3 Giornata dell'udito, nascono duemila bimbi sordi l'anno
Il 3 Giornata dell'udito, nascono duemila bimbi sordi l'anno

 

Ogni anno nascono in Italia duemila bambini sordi o con gravi problemi all'udito. Se questi disturbi non vengono individuati subito e trattati, il rischio è che diventino penalizzanti, nonostante esistano terapie che consentono ai bambini affetti da sordità congenita di condurre una vita normale. Lo screening neonatale, la logopedia e le protesi sono le vie attraverso cui affrontare l'ipoacusia senza paura. In occasione della Giornata Mondiale dell'Udito del 3 marzo, il provider Ecm 2506 Sanità in-Formazione e Giuseppe Attanasio, otorinolaringoiatra del Policlinico Umberto I di Roma, in collaborazione con Consulcesi Club, forniscono una roadmap per tutti i genitori. Ecografie e amniocentesi non sono in grado di rilevare la sordità nel feto, ma lo screening audiologico universale entro i primi 2-3 mesi di vita è la soluzione per scoprire subito i problemi di ipoacusia. Tuttavia questo esame non è in grado di identificare la perdita uditiva acquisita o progressiva che intervenga successivamente. Questi deficit uditivi infantili (che rappresentano circa il 30% dei casi) possono essere identificati solo con programmi di osservazione e sorveglianza audiologica, per questo "è essenziale che il medico, soprattutto il neonatologo e il pediatra, facciano una diagnosi precoce, che è fondamentale", sottolinea Attanasio. Una volta individuata l'ipoacusia, si passa alla scelta degli ausili uditivi più adatti al bambino: protesi o impianto cocleare. La logopedia poi, costituisce un supporto fondamentale nello sviluppo e nell'acquisizione del linguaggio nel bambino. Tra i fattori che devono suscitare l'attenzione dei genitori, la familiarità per ipoacusie permanenti nell'infanzia, traumi cranici, infezioni post-natali e otiti ricorrenti o persistenti.(ANSA).

Annunci AdSense
article-botton
Annunci CT Partner
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar

__ Seguci anche su Facebook __

il Centro Tirreno - Quotidiano online
News e approfondimenti
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci AdSense
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci AdSense
home-2