Salute e Benessere, il Centro Tirreno - Notizie, Foto, Video, Approfondimenti - il Centro Tirreno - Quotidiano online
11
Dom, Apr

 

Coronavirus in Italia, l'impatto delle varianti sulla curva dei contagi. "In questo momento in cui cala l'Rt, il primo parametro che ci dà la tendenza, l'incidenza scende dopo e più lentamente e questo perché le nuove varianti sono più trasmissibili e ci vuole più tempo per abbattere le infezioni e le malattie" ha evidenziato Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, nel suo intervento alla conferenza stampa sull'analisi dei dati del Monitoraggio Regionale della Cabina di Regia. 

 

"Da lunedì la Lombardia torna in zona arancione" con nuove regole per scuola, spostamenti e categorie di negozi. Lo annuncia il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. "Dopo 28 giorni di limitazioni da fascia rossa - aggiunge il governatore - iniziamo quel graduale ritorno alla normalità che comportamenti responsabili e vaccinazioni renderanno più vicino. Non sprechiamo questa grande opportunità, osserviamo tutte le regole che consentono di tenere sotto controllo la diffusione del virus. Non abbassiamo la guardia, rispettiamo il distanziamento e gli isolamenti qualora si verifichi un contagio". 

 

Sono 3.289 i nuovi contagi da Coronavirus in Lombardia secondo il bollettino di oggi, 9 aprile. Nella tabella si fa riferimento ad altri 92 morti. Continuano a diminuire i ricoverati in terapia intensiva, che sono 828, due in meno, e nei reparti, dove sono 249 in meno per un totale di 6.252. I guariti o dimessi sono 3.613. La percentuale di positività sui 56.476 tamponi è pari al 5,8%. Da inizio pandemia i morti nella Regione sono stati 31.595. Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Milano e hinterland con 881 contagi, di cui 310 in città, Brescia a 512 e Varese a 319.  

 

Colpisce il sistema nervoso centrale causando una vasta gamma di sintomi, tra i quali disturbi cognitivi, visivi e del linguaggio. Per questo motivo la sclerosi multipla è una malattia neurodegenerativa che fa ancora paura, ma sicuramente meno di un tempo, grazie alle diverse possibilità terapeutiche che consentono nella maggioranza dei casi di evitare ai pazienti le conseguenze più serie in termini di invalidità.  

 

Solo un paziente su 3, dopo un infarto o un intervento cardiochirurgico, segue un programma di riabilitazione cardiovascolare. Eppure un percorso ad hoc riduce del 30% la mortalità e il rischio di un nuovo ricovero. A fare il punto sulla cardiologia riabilitativa di domani, con analisi, proposte e suggerimenti, saranno gli esperti del Gemelli Molise nel sesto appuntamento del ciclo 'Insieme in Salute', in programma martedì 13 aprile alle 16.30. L'incontro 'Insieme in Forma - la Fisioterapia del cuore' verrà trasmesso in diretta streaming sul sito e sulla pagina Facebook di Gemelli Molise. Tutti potranno partecipare e interagire con i relatori, facendo domande e commenti via social.  

 

Coronavirus in Italia, la curva dei contagi ha raggiunto il plateau. "Il quadro dell'Ue è con Paesi, anche ai nostri confini, che cominciano ad avere aree in rosso scuro, dove l'incidenza cresce, mentre l'Italia si sta schiarendo rispetto alle settimane scorse. La curva epidemiologica in Italia ha infatti raggiunto il plateau" ha affermato il presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, nel suo intervento in conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale della Cabina di regia sull'epidemia di Covid-19 in Italia. 

 

Sono 1.798 i nuovi contagi da Coronavirus in Piemonte secondo il bollettino di oggi, 9 aprile. Nella tabella si fa riferimento ad altri 37 morti. La percentuale di positività è del 6,2%. Nelle ultime 24 ore sono stati fatti 29.218 tamponi di cui 15.753 antigenici. I pazienti guariti sono stati 2.471 nelle ultime 24 ore.  

 

Sono 18.938 i contagi da coronavirus in Italia oggi, 9 aprile, secondo i dati Regione per Regione nel bollettino della Protezione Civile. Da ieri, registrati altri 718 morti. Da ieri eseguiti 362.973 tamponi, l'indice positività è al 5,2%. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 3.603 (-60 da ieri), 192 nuovi ingressi oggi. 

 

Zona arancione per Lombardia, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Toscana. Zona rossa con regole e divieti più rigidi per la Sardegna. Lo prevede l'ordinanza che il ministro della Salute, Roberto Speranza, firmerà in giornata sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia. I cambi 'di colore' andranno in vigore a partire dal 12 aprile. 

 

Sono 2.069 i nuovi contagi di Coronavirus in Campania secondo i dati del bollettino di oggi, 10 aprile. Si registrano altri 13 morti. Da ieri sono stati processati 20.467 tamponi molecolari. Dei 13 nuovi decessi, 10 sono avvenuti nelle ultime 48 ore e 3 in precedenza.  

 

Sono 1.488 i nuovi contagi da Coronavirus in Emilia Romagna secondo il bollettino di oggi, 9 aprile. Nella tabella si fa riferimento ad altri 36 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati fatti 26.970 tamponi. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 5,5%. Da inizio pandemia sono morte 12.307 persone nella Regione. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 42,7 anni.  

 

Sono 380 i nuovi contagi da Coronavirus in Sardegna secondo il bollettino di oggi, 9 aprile. Nella tabella si fa riferimento ad altri 4 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati fatti 7.955 i test in più. Il tasso di positività è del 4,7%. I pazienti attualmente ricoverati in ospedale sono 321 (+19), 50 (+1) quelli in terapia intensiva.  

 

Il 'mix and match' fra i diversi vaccini anti-Covid? Secondo l'Oms "non ci sono dati disponibili per raccomandarlo in questo momento". Lo ribadisce Rogerio Pinto de Sa Gaspar, direttore del Dipartimento di Regolamentazione e Prequalificazione dell'agenzia Onu, commentando la decisione della Francia di dare un richiamo con un vaccino diverso agli under 55 vaccinati con AstraZeneca per la prima dose. "Non ci sono dati disponibili per raccomandarlo. E questa è l'unica risposta che posso dare", ha puntualizzato l'esperto Oms, facendo il punto sulle indicazioni attuali, basate sulle informazioni presenti. 

 

 

Eventi tromboembolici rari post vaccinazione sono stati segnalati anche per il vaccino anti-Covid di Janssen (Johnson & Johnson). Il Comitato di farmacovigilanza Prac dell'Agenzia europea del farmaco Ema li sta studiando, riferisce l'ente regolatorio Ue, in una nota. Gli esperti hanno dunque avviato una revisione del segnale di sicurezza relativo al vaccino J&J. Dopo questa iniezione-scudo sono stati segnalati, secondo i dati aggiornati riportati oggi nella nota, "4 casi gravi di coaguli di sangue insoliti associati a livelli di piastrine basse", le rare forme di trombosi che sono state osservate anche dopo la vaccinazione con AstraZeneca. 

 

 

Sono 336 i contagi da coronavirus resi noti in Friuli Venezia Giulia oggi, 9 aprile, secondo i dati del bollettino della regione. Registrati altri 29 morti. Nel dettaglio, su 6.803 tamponi molecolari sono stati rilevati 228 nuovi contagi con una percentuale di positività del 3,35%. Sono inoltre 2.421 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 108 casi (4,46%). I decessi segnalati sono 24, a cui se ne aggiungono 5 pregressi, i ricoveri nelle terapie rimangono 77 mentre come quelli in altri reparti scendono a 529.  

 

 

La Sardegna zona rossa dalla prossima settimana, con regole e misure restrittive per arginare la diffusione del coronavirus. Lo ha detto l'assessore alla Sanità dell'Isola, Mario Nieddu, in diretta su Rai News24, dicendo di essere stato avvertito dal ministro della Salute Speranza. Il passaggio è dovuto all'indice Rt della Regione che è cresciuto, "anche se gli altri parametri sono buoni". Poche settimane fa, la regione è stata per un breve periodo in zona bianca. 

 

 

Sono 65 i nuovi contagi da Coronavirus in Valle d'Aosta secondo il bollettino di oggi, 9 aprile. Nella tabella si fa riferimento ad altri due morti. Nelle ultime 24 ore sono state sottoposte a tampone 241 persone. In crescita i pazienti ricoverati all'ospedale Parini: sono ora 78, di cui 12 in terapia intensiva. Il totale dei contagiati sale a 1.127 nella Regione. I guariti sono 48. 

 

 

Sono 212 i nuovi contagi da coronavirus in Basilicata, secondo la tabella del bollettino di oggi 9 aprile. Registrati inoltre altri 4 morti. Nella Regione i nuovi casi di positivi al Sars Cov-2 (201 sono residenti) sono stati registrati su un totale di 1.773 tamponi molecolari, rende noto la task force regionale con il consueto bollettino. Le persone decedute sono cittadini di Matera. I lucani guariti o negativizzati sono 158. Aggiornando i dati complessivi, i lucani attualmente positivi salgono a 4.781 (+39), di cui 4.602 in isolamento domiciliare. 

 

 

"Otto Regioni e province autonome hanno un Rt puntuale maggiore di uno: Basilicata, Campania, Liguria, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Valle d'Aosta. Tra queste, due Regioni (Sardegna e Valle d’Aosta) hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 3". Lo evidenzia la bozza del monitoraggio del report settimanale Iss-ministero della Salute sull'epidemia di Covid in Italia nella settimana 29 marzo-4 aprile. 

 

 

Sono 988 i contagi da coronavirus in Veneto resi noti oggi, 9 aprile, secondo il bollettino della regione. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 38 morti. Da ieri, effettuati 36.098 tamponi: l'incidenza è al 2,74%. I ricoverati in totale sono 2.194, con un calo di 74 unità. I pazienti in area non critica sono 1.886 (-61), quelli in terapia intensiva sono 308 (-13). 

 

 

 

 

Un nuovo "alert di sicurezza" per il vaccino anti-Covid di AstraZeneca che -dopo i rari casi di trombosi successivi alla somministrazione- torna sotto la lente del Comitato di farmacovigilanza Prac dell'Agenzia europea del farmaco Ema. Gli esperti dell'ente regolatorio Ue hanno infatti "avviato una revisione per valutare" i dati relativi ad alcune "segnalazioni" di una patologia che si chiama 'sindrome da perdita capillare', in persone che sono state vaccinate con il prodotto dell'azienda anglo-svedese. Nel database di EudraVigilance sono stati riportati "5 casi di questo disturbo molto raro, caratterizzato da fuoriuscita di fluido dai vasi sanguigni, che causa gonfiore dei tessuti e calo della pressione sanguigna", spiega l'Ema in una nota. 

 

 

"Serve molta attenzione, siamo in una fase delicatissima. Siamo arrivati all'apice della terza ondata pandemica e finalmente la curva sembra scendere. Proprio per questo non bisogna abbassare la guardia. Per non tornare indietro". Lo ha detto all'Adnkronos Salute Filippo Anelli, presidente della Federazione degli Ordini dei medici e degli odontoiatri (Fnomceo). 

 

 

I dati regione per regione e i numeri della Protezione Civile nel Paese ancora diviso tra zona rossa e zona arancione, nella giornata in cui le ordinanze del ministro Speranza sanciscono il passaggio di diverse regioni da una fascia all'altra, con regole e misure differenti. Le news sui nuovi casi e il numero dei tamponi da Lombardia e Marche, Toscana e Sicilia, Lazio e Piemonte, Campania e Veneto. Ecco i dati: 

 

 

Allentare le misure all'aperto. E' possibile secondo Antonella Viola, immunologa dell'università di Padova, che su Facebook scrive: "Studi effettuati in Cina, in Irlanda e in varie altre parti del mondo dimostrano che il contagio da Sars-CoV-2 avviene in luoghi chiusi. Questi dati ci spingono a chiedere di allentare le misure all'aperto, ora che la bella stagione lo consente". "Potremmo permettere ai ristoranti di servire solo all'aperto, con tavoli ben distanziati - propone - o a chi si occupa di fitness di organizzare corsi di gruppo nel parco. Insomma - esorta l'esperta - usiamo i dati nel modo giusto: per ripartire". 

 

“Ci sono dati che indicano che è possibile allungare l’intervallo da 21 a 42 giorni senza perdere l’efficacia della copertura vaccinale. Questo consente di incrementare il numero delle persone che possono ricevere la prima dose”. Lo ha detto a Buongiorno, su Sky TG24, il presidente del Consiglio superiore di sanità (Css) Franco Locatelli. “C’è questo tipo di indicazione – ha aggiunto - , poi l’attuazione pratica spetta al ministero della Salute, però i presupposti immunologici e biologici ci sono tutti”. 

 

In Italia restano 7 le regioni in rosso scuro, la fascia di massimo rischio per Covid 19, nella mappa epidemiologica d'Europa aggiornata dall'Ecdc, centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. Ma cambia l'elenco: e infatti a colorarsi di rosso scuro questa settimana è la Toscana, che si va ad aggiungere a Valle D'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Puglia. Le Marche e le province autonome di Trento e Bolzano tornano rosse, abbandonando il rosso scuro. E si colora di rosso questa settimana anche la Sardegna che per diverso tempo è stata arancione, colore che contraddistingue un livello più basso di rischio. Anche il resto dell'Italia è rossa. 

 

"Credo che purtroppo il presidente Draghi sia stato mal consigliato, per il semplice motivo che gli psicologi, in quanto operatori sanitari, sono stati obbligati dal Governo stesso a fare il vaccino. Quindi non c'è stato salto di fila né richiesta da parte nostra, è stato il Governo che ha stabilito che, per proteggere i pazienti, tutti gli operatori sanitari dovessero essere vaccinati. Addirittura l'ultimo decreto prevede che, se non c'è vaccinazione, gli psicologici possano essere sospesi dall'attività professionale: c'è una contraddizione clamorosa, è evidente che un capo del Governo non possa sapere tutto ma i suoi consiglieri avrebbero dovuto conoscere questi fondamentali dettagli tecnici". Lo dice all'Adnkronos David Lazzari, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi (Cnop). 

 

"La verità sulla questione AstraZeneca? Questa è una delle storie più disgraziate della medicina moderna. Non perché il vaccino non funzioni, anzi, funziona bene. Ma è come si è arrivati a questo risultato che ha creato perplessità e paure nella popolazione. Ovvio, quindi, che ci sia tanta gente che quando sente quel nome dice no: tutta colpa dei pasticci in fatto di comunicazione". Parola di Giovanni Di Perri, professore e responsabile delle Malattie infettive all'ospedale Amedeo di Savoia di Torino, in un'intervista alla 'Stampa'.  

 

L'indice di contagio Rt medio nazionale è pari a 0.92, in calo rispetto a 0.98 della scorsa settimana. E' quanto si apprende dalla Cabina di regia Istituto superiore di sanità (Iss)-ministero della Salute su Covid-19, riunita questa mattina.  

 

AstraZeneca, trombosi rare e seconde dosi: le ultime news di oggi dall'Italia e dal mondo sul vaccino anti Covid dopo l'intervento dell'Ema e il cambio di passo nelle somministrazioni. Dopo la raccomandazione Aifa in Italia per il vaccino anglo svedese agli over 60, in Australia arriva invece lo stop al prodotto per gli under 50. In Francia richiami con un altro vaccino - Pfizer o Moderna - per gli under 55. 

 

"Avanti con i vaccini per rendere le isole covid free. E poi mini bond per finanziare le imprese del turismo". E' questa la ricetta che indica il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, in un'intervista a Il Messaggero. Su una possibile ripartenza il 2 giugno, "l'ottimismo viene dalla forza della ragione. Comunque, non ho detto che si apre il 2 giugno. Ho detto soltanto che sia il presidente Biden, sia Macron hanno detto di organizzare le rispettive riaperture in coincidenza con le loro feste nazionali: il 4 ed il 14 luglio. La nostra Festa della Repubblica e' il 2 giugno. Comunque, lo scorso anno le spiagge vennero riaperte il 18 maggio. Quest'anno, in piu', abbiamo il piano vaccinale. Nasce da qui l'ottimismo'", spiega Garavaglia. "Il turismo, - sottolinea- come ogni attivita' economica, vive di aspettative. E di programmazione. Aprire la saracinesca di un bar e' cosa diversa dal riaprire un albergo od un villaggio vacanze. Per questo occorre definire in tempi rapidi una data, in funzione dell'andamento della pandemia". 

 

L'indice di contagio Rt è "in ulteriore miglioramento" in Italia. Così il presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli, a 'Buongiorno' su Sky Tg24, sottolineando: "Indubitabilmente alcune regioni passeranno dal rosso all'arancione". "Il dato preciso lo avremo nelle prossime ore - afferma - E' indubitabile che abbiamo avuto una riduzione significativa nel numero dei contagiati. Pur tenendo conto dei giorni di Pasqua e Pasquetta che hanno una connotazione particolare in termini di numero di tamponi eseguiti, rispetto alla metà del mese di marzo siamo scesi del 40% nel numero dei nuovi contagi e tutto questo indica l'efficacia delle misure, come sappiamo da tempo".  

 

Vaccino AstraZeneca, le autorità australiane hanno deciso di sospendere la somministrazione per le persone di età inferiore ai 50 anni per i rischi di trombosi, sottolineando comunque che i benefici contro il coronavirus sono superiori ai rischi. Nell'annunciarlo, il primo ministro Scott Morrison ha detto ai giornalisti di Canberra che il governo australiano aveva preso le "precauzioni necessarie" e ha agito in base al "miglior consiglio medico", sebbene la decisione sia stata una delle "battute d'arresto strazianti" nel percorso australiano contro il Covid-19. 

 

Zona rossa e zona arancione, oggi nuovo round di colori e regole per arginare la diffusione del coronavirus. I dati del monitoraggio della cabina di regia, come ogni venerdì, delineano la mappa dell'Italia, divisa in due colori fino alla fine del mese tra un'ordinanza e l'altra del ministro Roberto Speranza.  

Nella fascia rossa -con regole e divieti più restrittivi per scuola, spostamenti e categorie di negozi- attualmente sono collocate Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana, Val d'Aosta. Il resto d'Italia è in zona arancione.  

 

Zona rossa e zona arancione, oggi nuovo round di colori e regole per arginare la diffusione del coronavirus. I dati del monitoraggio della cabina di regia, come ogni venerdì, delineano la mappa dell'Italia, divisa in due colori fino alla fine del mese tra un'ordinanza e l'altra del ministro Roberto Speranza.  

 

Sono 387 i contagi da coronavirus in Liguria resi noti oggi, 8 aprile, secondo il bollettino della regione. Da ieri, registrati altri 13 morti che portano a 3.935 il totale delle vittime dall'inizio dell'epidemia di covid-19. Gli attuali positivi sono 7.728, con un calo di 244 unità. 

 

Vaccino AstraZeneca? "Più sicuro di molti altri farmaci" dice all'Adnkronos Salute Giuseppe Remuzzi, direttore dell'Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri Irccs, facendo notare come da parte delle persone ci sia "la tendenza ad associare al vaccino ogni decesso avvenuto nei giorni seguenti la vaccinazione". "Pensiamo sempre ai dati: in Italia ogni giorno muoiono all'incirca 1.800 persone. Se anche vaccinassimo di colpo tutti gli italiani morirebbero 1.800 persone, i cui decessi non sono attribuibili al vaccino. In questo momento non c'è nessuna evidenza che i vaccini causino più morti di quelle aspettate per qualunque causa, incluse le trombosi". 

 

Il 76% degli intervistati favorevole al vaccino Covid, ma rispetto a gennaio calano le persone che non hanno dubbi a riguardo. A pesare è soprattutto la vicenda AstraZeneca. I più informati sono anche più disponibili, per questo è importante trasparenza e corretta informazione sul piano vaccini. Più della metà è favorevole al passaporto vaccinale. È quanto emerge da un'indagine condotta da Altroconsumo nel mese di marzo (26-30 marzo 2021) su un campione di 1.002 italiani di età 18-74 anni, distribuito come la popolazione generale per genere, età, livello di istruzione e area geografica. 

 

Sono 2.537 i nuovi contagi di Coronavirus in Lombardia secondo i dati del bollettino di oggi, 8 aprile. Si registrano altri 130 morti, che portano a 31.503 il totale dei decessi nella regione dall'inizio della pandemia di Covid-19. Da ieri sono stati processati 54.280 tamponi, l'indice di positività è al 4,6%. In calo i pazienti in ospedale: sono 6.501 i ricoverati in area non critica (-94 da ieri) e 830 quelli in terapia intensiva (-4). I guariti/dimessi sono in tutto 644.850 (+2.705). I nuovi casi per provincia: Milano: 675 (di cui 256 a Milano città); Bergamo: 166; Brescia: 413; Como: 165; Cremona: 88; Lecco: 59; Lodi: 52; Mantova: 123; Monza e Brianza: 205; Pavia: 152; Sondrio: 59; Varese: 324. 

Seguici anche su Facebook

FB Telecomunicazioni - il Centro Tirreno

Feed non trovato