Coronavirus, Galli: "Problema se entro Pasqua non si è invertita tendenza"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Mer, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Galli: "Problema se entro Pasqua non si è invertita tendenza"

Coronavirus, Galli: "Problema se entro Pasqua non si è invertita tendenza"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Non è mai stata una semplice influenza". Così Massimo Galli, primario dell'ospedale Sacco di Milano e docente di Malattie infettive all'università Statale del capoluogo lombardo, in collegamento con 'Piazzapulita' su La7 parlando del coronavirus.

Coronavirus, Galli:
Coronavirus, Galli: "Problema se entro Pasqua non si è invertita tendenza"

 

"Nella stragrande maggioranza dei casi questa malattia decorre con sintomi modesti, addirittura nel bambini e negli adolescenti quasi senza sintomi e guarisce - sottolinea l'esperto - la cattiva notizia è che anche i bambini e i giovani probabilmente fanno la loro parte nell'amplificazione della malattia. Quando andiamo verso gli adulti, e ancora di più verso gli anziani, ci troviamo di fronte a una evoluzione che presenta caratteristiche che possono diventare anche estremamente critiche". "E' difficile dire che percentuale riguarda questo andamento critico - sottolinea Galli - è difficile stabilirlo con precisione ma rischiamo un 10-15%. Che non vuol dire che questo 10-15% sia destinato a non superare questa malattia". 

Sulla situazione sanitaria, Galli afferma: "Per quanto riguarda le regioni maggiormente colpite siamo al limite della sostenibilità, soprattutto è necessario ampliare il più possibile i letti di terapia intensiva". "E non si formano persone da un giorno all'altro", aggiunge.  

Sulla diffusione del virus, afferma: "Certamente è un problema di cui non ci libreremo facilmente. Noi ci troviamo ora nella peggiore situazione europea e forse per primi dovremo sperimentare come possano andare le cose in una epidemia del genere e i che termini e in che modo possa ulteriormente dilagare".  

Galli ha poi commentato positivamente il provvedimento del governo sulla chiusura delle scuole e ha fatto anche un'ipotesi sui tempi: se entro Pasqua non sarà invertita la tendenza (cioè contagi veramente in calo, nessun altro focolaio in giro per il Paese o nelle aree più vicine alla 'zona rossa'), la faccenda sarà più pesante da gestire. Se invece ci saremo riusciti entro due settimane, allora si potrà gestire assai meglio il problema. Però verosimilmente "ci possiamo aspettare la necessità di altre restrizioni", ha sottolineato. 

 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook