Coronavirus, Science: "No ai viaggi? Più efficace lavarsi le mani"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
09
Dom, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, Science: "No ai viaggi? Più efficace lavarsi le mani"

Coronavirus, Science: "No ai viaggi? Più efficace lavarsi le mani"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nelle aree con focolai di Covid-19, le restrizioni ai viaggi hanno un impatto modesto sulla diffusione dell'epidemia, mentre il massimo effetto lo si ottiene dagli interventi di sanità pubblica, come diagnosi e isolamento precoce dei casi, e dai cambiamenti nel comportamento di ognuno di noi, come l'abitudine sistematica di lavarsi le mani. Lo rivela un nuovo studio pubblicato su 'Science'. 

Coronavirus, Science:
Coronavirus, Science: "No ai viaggi? Più efficace lavarsi le mani"

 

Mentre il virus Sars-Cov-2 si sta espandendo al di fuori dalla Cina, anche altrove si iniziano a mettere in pratica misure di quarantena, Italia in primis. Per comprendere gli impatti di queste misure sulla dinamica della diffusione, Matteo Chinazzi e i colleghi della Northeastern University di Boston hanno usato un modello globale di trasmissione della malattia noto come 'Gleam'.  

I risultati mostrano che il divieto di viaggi introdotto a Wuhan il 23 gennaio 2020 ha ritardato di 3-5 giorni la progressione dell'epidemia in tutta la Cina continentale: un effetto modesto.  

Quando le compagnie aeree internazionali hanno fermato i voli da e per la Cina, a partire dall'inizio di febbraio, questa limitazione inizialmente ha contribuito a rallentare la diffusione di Covid-19 in altre parti del mondo. Tuttavia, anche nel caso di riduzioni dei viaggi del 90%, il numero di casi importati in altri Paesi è aumentato significativamente nel giro di poche settimane, in conseguenza di casi che hanno avuto origine altrove, quando i contagi non sono stati ridotti attraverso misure come l'autoisolamento, affermano gli autori.  

Gli esperti notano inoltre che, anche in presenza di forti restrizioni di viaggio da e verso la Cina, un gran numero di persone hanno viaggiato ugualmente senza essere 'scoperte'. "Andando avanti, prevediamo che le restrizioni di viaggio verso le aree colpite da Covid-19 avranno effetti modesti e che saranno invece gli interventi di riduzione della trasmissione a fornire il massimo beneficio per mitigare l'epidemia", affermano i ricercatori.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook