Coronavirus, epidemiologo: "Tutti dobbiamo stare a casa, non solo i lombardi"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Sab, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, epidemiologo: "Tutti dobbiamo stare a casa, non solo i lombardi"

Coronavirus, epidemiologo: "Tutti dobbiamo stare a casa, non solo i lombardi"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Il messaggio deve essere chiaro: non è che chiudiamo la Lombardia, ma tutti dobbiamo stare a casa, non solo i lombardi, per contrastare la diffusione del nuovo coronavirus.

Coronavirus, epidemiologo:
Coronavirus, epidemiologo: "Tutti dobbiamo stare a casa, non solo i lombardi"

 

Dobbiamo uscire solo per le attività necessarie e indispensabili. Insomma, le feste si possono rimandare, come pure le cene. Siamo a casa e leggiamo un bel libro". Parola dell'epidemiologo Pierluigi Lopalco, docente di Igiene all'università di Pisa, che all'Adnkronos Salute aggiunge: "Tutte le misure per rallentare il contagio, come quelle del nuovo Dpcm, sono ben accette, ma le misure da sole non bastano: sono davvero cruciali i comportamenti individuali". 

"Senza un'adeguata comunicazione - insiste - si rischia di ottenere il risultato opposto: lo spostamento in massa delle persone, come si è visto ieri sera a Milano. L'atteggiamento irresponsabile è da biasimare, ma evidenzia la necessità di una forte azione comunicativa: vedere i Navigli pieni al pomeriggio per l'aperitivo e poi la sera delle folle che prendono la valigia e scappano è quasi incredibile. Ma in realtà, di fronte a un evento come l'emergenza Covid-19, si assiste a due reazioni opposte: panico o incoscienza abbinata a sottovalutazione". Due reazioni ugualmente sbagliate, secondo l'epidemiologo. Ma perché nell'ultima pandemia, quella del 2009, la gestione è stata tanto diversa? "Quella pandemia era legata a un ceppo di virus influenzale, l'H1N1, che ha trovato la popolazione mondiale parzialmente immune - spiega Lopalco - Tant'è che all'epoca gli anziani non hanno sofferto molto. Questo coronavirus è nuovo, non c'è una memoria immunitaria. E lo è per tutti".

 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook