Coronavirus, "paziente 1 fuori pericolo"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Ven, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, "paziente 1 fuori pericolo"

Coronavirus, "paziente 1 fuori pericolo"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Mattia, il 38enne che arrivato in condizioni gravi all’ospedale di Codogno ha svelato involontariamente la presenza del nuovo coronavirus in Italia, può essere considerato fuori pericolo? "Incrociando le dita posso dire di sì.

 

Coronavirus,
Coronavirus, "paziente 1 fuori pericolo"

 

E’ attualmente in ‘sub-intensiva’ dove respira autonomamente con un po’ di ossigeno. Speriamo di trasferirlo il più presto possibile in un reparto medico e poi anche a casa". Ad aggiornare sulle condizioni del 'paziente 1' è Francesco Mojoli, responsabile di Terapia intensiva al Policlinico San Matteo di Pavia, intervenuto a ‘L’aria che tira’ su La7. 

"E’ stato difficile e abbastanza lungo" il suo percorso, racconta il primario, "perché Mattia è arrivato in condizioni estremamente gravi da noi, trasferito al San Matteo dall’ospedale di Codogno. Nei giorni successivi ci siamo spesi per stabilizzarlo e lui è rimasto in condizioni critiche per parecchi giorni. Fortunatamente, come ci si aspetta da una persona giovane, che non aveva comorbidità e anche in forma, a un certo punto ha iniziato a migliorare". Dopo circa due settimane in terapia intensiva, "da qualche giorno lo abbiamo de-connesso dal ventilatore e si è riusciti a trasferirlo presso la nostra sub intensiva, un’altra delle strutture create in questi giorni di emergenza". 

Il messaggio, conclude il rianimatore, "è che questo nuovo virus può colpire anche persone giovani, e anche con forme molto severe, ma ovviamente essere giovani e non avere comorbidità rende più facile superare questa prova con i trattamenti adeguati".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook